venerdì 19 febbraio 2021 05:46
RASSEGNA STAMPA

Rimini. Insulti omofobi e minacce al vicino ma l'aggravante non viene contestata

Rimini. Insulti omofobi e minacce al vicino ma l'aggravante non viene contestata

Insulti omofobi e minacce al vicino ma l'aggravante non viene contestata

Fa discutere la decisione sullo stesso caso presa dalla procura: uno va dal giudice di pace, l’altro in tribunale

ENRICO CHIAVEGATTI. «Ti sparo in faccia frocio di m....». «Vi do fuoco. Do fuoco a te, ai tuoi figli, a tutto il palazzo e a tutti quelli che sono in casa tua! La benzina la vado a prendere a San Marino così costa meno». Sono le minacce che il 19 gennaio del 2019 si sono scambiati due inquilini di una palazzina Acer del centro di Rimini, per cui entrambi i protagonisti ora dovranno risponderne in un'aula di Tribunale. Una querelle non nuova alle cronache giudiziarie, che però, fa notare il difensore dello “sparato”, l'avvocato Paolo Ghiselli, «ha un'unica sostanziale e ingiustificata differenza». La procura della Repubblica, infatti, ha ritenuto “una minaccia molto più grave” quella rivolta dal giovane di una famiglia di etnia rom, e non quella di morte con tanto di insulto omofobo urlata da quest'ultimo. (...)

Tratto dal Corriere Romagna

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782