domenica 21 febbraio 2021 06:33
RASSEGNA STAMPA

Rimini. Covid, un anno d'inferno Il medico sopravvissuto: «In ospedale era il caos»

Rimini. Covid, un anno d'inferno Il medico sopravvissuto: «In ospedale era il caos»

Covid, un anno d'inferno Il medico sopravvissuto: «In ospedale era il caos»

Oggi si torna in zona arancione: chiudono i locali, stop alle uscite dal comune Il racconto di dodici mesi costati alla Romagna quasi 2.400 morti Le mascherine introvabili, il lockdown e la paura di andare Rianimazione

ERIKA NANNI. Era il 20 02 2020. Le cifre 2 e 0 alternate in combinazioni diverse, come a indicare che quell'anno appena iniziato non sarebbe stato un anno qualunque. Quel giorno di un anno fa Mattia Maestri, passato alla storia come “il 38enne di Codogno”, veniva ricoverato in ospedale per una strana e aggressiva polmonite. Era l'inizio di quell'incubo che oggi, un anno e un giorno dopo, non è ancora finito e anzi vede l'Emilia Romagna “piombare” in zona arancione. Bar, ristoranti e confini comunali chiusi e bollettini di decessi e contagi in continuo aggiornamento. In un anno di pandemia, il Covid-19 in Romagna ha mietuto 2.391 morti, 813 a Ravenna, 739 a Rimini, 600 a Forlì-Cesena e 239 a Imola. Tra quel 20 febbraio di un anno fa e oggi sono ci sono stati un lockdown di quasi due mesi, proclamazioni di “fase 1” e “fase 2”, Dpcm e discorsi alla Nazione del premier Conte, autocertificazioni e bollettini della Protezione civile. Ma soprattutto mascherine (all'inizio introvabili), tamponi, interi reparti “puliti” convertiti a Covid, Rianimazioni sature e visite mediche sospese. (...)

Tratto dal Corriere Romagna

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782