domenica 1 agosto 2021 08:20
RASSEGNA STAMPA

Rimini. Rischia l'ergastolo per aver ucciso la moglie nel sonno a martellate

Rimini. Rischia l'ergastolo per aver ucciso la moglie nel sonno a martellate

Uccise la moglie nel sonno a martellate: omicidio premeditato, rischia l'ergastolo

Omicidio premeditato, aggravato dalla convivenza dalla minorata difesa e dal fatto di avere agito di notte, in casa, cogliendo la vittima nel sonno. È l'accusa definitiva contestata a Giovanni Laguardia, l'ex idraulico settantenne in carcere dall'ottobre dello scorso anno per avere ucciso la moglie a martellate. Il delitto risale all'ottobre 2020, la vittima, Vera Mudrai, di origine ucraina, aveva 61 anni. La procura di Rimini (pubblico ministero Luigi Sgambati) ha chiesto il rinvio a giudizio: l'imputato comparirà davanti al giudice dell'udienza preliminare Vinicio Cantarini il 15 settembre prossimo. Scontato l'approdo in aula davanti alla Corte d'assise: per i gravi fatti di sangue non sono previsti riti alternativi, rischia l'ergastolo. (…)

Articolo tratto da Corriere Romagna

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782