giovedì 9 settembre 2021 08:09
LA REPLICA

Rimini. Caso Carim, Bonfatti: "Infondate le contestazioni nei confronti miei e di Mocchi"

Rimini. Caso Carim, Bonfatti:

"Le contestazioni che abbiamo ricevuto  sono totalmente infondate e in sede processuale lo dimostreremo ampiamente. In quegli anni grazie al nostro operato e a quello di tutti i coloro che hanno lavorato in quella fase abbiamo messo in sicurezza la banca e l'economia del territorio". 

Lo dichiara in una nota l'ex presidente di Banca Carim di Rimini, Sido Bonfatti, nel commentare la richiesta di rinvio a giudizio da parte della Procura di Rimini che riguarderebbe la elaborazione di una presunta operazione di aggiotaggio sulle azioni della banca fatta Bonfatti e dall'ex direttore generale Alberto Mocchi.

Bonfatti è professore ordinario di Diritto Commerciale e autore di alcuni dei libri fondamentali sulle crisi d'impresa e sulle crisi delle banche. 

"La banca - spiega Bonfatti - è stata assoggettata all'amministrazione straordinaria tra 2010 e il 2012. Io fui nominato presidente dopo la chiusura della procedura, alla fine del 2012. La Banca d'Italia aveva richiesto un importante aumento di capitale: ma il territorio non fu in condizione di farlo né subito, né negli anni successivi. Quando emerse che questa strada non era percorribile, si dovette lavorare ad una soluzione di aggregazione. E nel 2017 la banca fu acquistata da uno dei più brillanti istituti italiani ed europei: il Credit-Agricole. Ciò tutelò in misura integrale i depositanti; le imprese affidate; i dipendenti; gli obbligazionisti; ed anche i soci, nei confronti dei quali il Credit Agricole si impegnò a comprare le loro azioni, che erano da sette anni senza mercato. Per noi fu ed è un risultato di cui andiamo fieri.  In quel periodo ci fu il fallimento delle 'quattro banche', tre delle quali erano simili a Banca Carim, e anche vicine geograficamente; e ci fu il fallimento delle 'due Venete'. L'aggregazione con Credit Agricole evitò una vera tragedia".

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782