lunedì 13 settembre 2021 08:58
RASSEGNA STAMPA

Rimini. «È arrivato di corsa e l’ha colpito al collo»

Rimini. «È arrivato di corsa e l’ha colpito al collo»

«È arrivato di corsa e l’ha colpito al collo»


Parla il padre del bambino accoltellato. Sottoposto a due operazioni in poche ore, gli hanno ricostruito la carotide e sta meglio


«Tamin è vivo per miracolo. Sta meglio, e non vediamo l’ora di riportarlo a casa». Ha il volto ancora provato dalla paura e dalla sofferenza Sunny, padre del piccolo colpito dall’accoltellatore. Ma ieri mattina, dopo la seconda operazione a cui il figlio è stato sottoposto, ha ritrovato la forza di sorridere. Sia la prima operazione di sabato sera alla carotide, recisa dal fendente, sia quella di ieri mattina, sono riuscite. Tamin, che ha 6 anni, sta meglio e presto lascerà la rianimazione e sarà trasferito in un altro reparto. E’ il secondo figlio di Sunny: Il piccolo ha solo un anno, il grande 12. Sunny e la moglie, originari del Bangladesh, vivono dal 2007 a Poggio Torriana, dove lui lavora alla Focchi. I figli sono nati tutti in Italia.Come è avvenuta l’aggressione a suo figlio?«Stavamo camminando io, lui, mia moglie e una sua amica in viale Regina Elena (vicino all’incrocio con via Pascoli) quando all’improvviso, alle spalle, è arrivato di corsa l’aggressore e ha colpito mio figlio. Ha ferito lui, ma è stato un caso (...)

Articolo tratto da Resto del Carlino

---

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782