A San Marino 30 denunciati per non aver rispettato il divieto di uscire

Continua il grandissimo lavoro delle forze dell’ordine per far rispettare le norme sul contenimento della diffusione del contagio da Coronavirus a San Marino.

In una nota congiunta Gendarmeria, Guardia di Rocca e Polizia Civile riepilogano l’impegno profuso in questi giorni.

In totale sono state controllate 1.129 persone, acquisite 200 autocertificazioni, denunciate 30 persone per la violazione del divieto di allontanarsi dall’abitazione senza valido motivo, controllate 119 attività economiche, controllati 1.438 cittadini in quarantena dall’inizio dell’epidemia, effettuati 23 controlli a domicilio, gestito finora 5.933 telefonate alla Centrale operativa interforze.

 

“In applicazione alle ordinanze ed ai decreti emessi a seguito dell’emergenza sanitaria – riporta la nota – ed alla conseguente necessità di porre in atto misure urgenti di contenimento del coronavirus covid-19, i tre Corpi di Polizia, in stretta collaborazione e con costante attività di coordinamento, hanno attuato tutte le misure opportune a garantire il rispetto delle disposizioni necessarie alla salvaguardia della salute della cittadinanza.

I Funzionari sono costantemente impegnati in opera di sensibilizzazione e supporto alla popolazione, fornendo tutte le informazioni necessarie per muoversi correttamente sia all’interno, sia all’esterno del territorio.

Rammarica dover constatare che, nonostante la situazione di emergenza, taluni individui non abbiano ancora compreso la criticità del momento sottolineata dalla severità delle Norme straordinarie vigenti. In questi casi le misure di repressione previste sono state e saranno applicate puntualmente”.

E ancora: “Gendarmeria, Polizia Civile e Guardia di Rocca, ciascuna nelle zone assegnate, hanno posizionato numerose pattuglie H24 su tutto il territorio a controllo dei transiti e per la verifica della sussistenza di validi motivi che giustifichino ogni spostamento. La disposizione più efficace da osservare per evitare il proseguire dei contagi è quella di non spostarsi e rimanere in casa evitando contatti con altre persone.

Una impegnativa attività ispettiva è costantemente in atto anche sulle attività economiche per verificare il rispetto delle misure di contenimento all’interno dei luoghi di lavoro rimasti attivi e delle prescrizioni relative alle attività aperte al pubblico.

I tre Corpi di Polizia sono inoltre impegnati a contattare più volte al giorno i cittadin i già sottoposti a misure di quarantena svolgendo oltre alla verifica della permanenza in casa, anche un’opera di sostegno e di aiuto per le necessità contingenti. Non sono mancati casi in cui non essendo stato possibile rintracciare telefonicamente i cittadini posti in quarantena sia stato necessario impegnare pattuglie di pronto intervento per verificare la presenza delle persone presso il domicilio”.

In conclusione le Forze dell’Ordine “ringraziano tutti i cittadini che con grande senso di responsabilità fanno la loro parte sacrificando le attività ordinarie. Con l’impegno di tutti, l’auspicio è che presto la comunità possa riprendere la normale vita quotidiana”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy