Acquisire audio Fantini e consiglio straordinario entro agosto

Un nuovo terremoto si sta abbattendo
sul sistema bancario-finanziario sammarinese. Innescato dalle
ultime dichiarazioni dell’ex amministratore delegato del piu’
importante istituto di credito del Titano, la Cassa di risparmio
di San Marino, Mario Fantini. Dichiarazioni su cui il Partito dei
socialisti e dei democratici (Psd) chiede la massima trasparenza
e chiarezza, e che riguardano le pressioni di due segretari di
Stato per acquistare le azioni Delta di Sopaf a un prezzo
maggiorato di 15 milioni di euro e tramite “modalita’ inusuali”.
A tutto cio’ si aggiungono il nuovo filone delle indagini della
Procura di Forli’ che coinvolgono un’altra banca sammarinese,
l’Istituto bancario sammarinese (Ibs), e la mancanza di una
governance del comparto, con il presidente di Banca centrale
(Bcsm) ancora vacante. E il Psd alza la voce.
“Metteremo in campo- annuncia alla stampa il capogruppo
Claudio Felici- tutte le iniziative piu’ adeguate alla gravita’
di questo passaggio”, a partire da un Consiglio grande e generale
straordinario in cui affrontare le problematiche legate alle
banche, ma anche alla manovra straordinaria che il governo si
appresta a varare tramite decreti. “Le dichiarazioni di Fantini
confermano i nomi del memoriale Ghiotti”, e c’e’ in gioco “una
irresponsabilita’ politica immensa”, aggiunge Felici, suggerendo
alla magistratura sammarinese di acquisire anch’essa il file
audio depositato da Fantini in Procura a Forli’: “sarebbe il caso
che anche noi a San Marino entrassimo in possesso di quel file
audio”. “Se c’e’ un’ombra su manovre da parte di due autorevoli
segretari di Stato”, come sembra emergere dalle parole dall’ex ad
di Crrsm- prosegue Felici- occorre fare chiarezza il prima
possibile e “non stare in braghette sotto l’ombrellone”.
Anche perche’ “altre banche stanno
finendo nel mirino delle procure italiane, mentre tutte le
partecipazioni italiane se ne stanno andando”. Insomma, “altro
che vacanze”, conclude Felici. In ballo c’e’ il futuro del Paese,
per cui occorre trovare e dare il prima possibile “risposte a
tutti questi interrogativi”.

Le dichiarazioni di Fantini e lo stato dei conti pubblici sono
due temi che preoccupano molto il partito. “Lo stato dei conti ci
allarma”, conferma il presidente Denise Bronzetti, cosi’ come “i
tanti movimenti nel settore bancario”, che hanno causato un
“grande dispendio di risorse pubbliche”, come i 400 milioni di
euro, “meta’ del bilancio dello Stato”, garantiti proprio a
Crrsm. E ora le dichiarazioni di Fantini, che “confermano il
memoriale Ghiotti di cui la maggioranza non si e’ voluta
occupare”. Insomma di fronte alla constatazione che esiste una
registrazione di un incontro a Palazzo Begni tra Fantini,
politici e due segretari di Stato “non si puo’ fare finta di
niente”.
Necessario dunque fare chiarezza sui vari fronti aperti,
prosegue Bronzetti: la fuga degli azionisti italiani dagli
istituti sammarinesi; i problemi di liquidita’ di Crrsm, che
pero’ sembra in lizza per acquistare la Banca agricola
commerciale, mentre la partita dell’aumento di capitale non e’
ancora terminata; le finanziarie che chiudono; la presidenza
vacante in Bcsm. “La maggioranza- sottolinea il presidente del
Psd- e’ in estrema difficolta’ e i cittadini non credono piu’
alle favole. La politica non puo’ proprio andare in ferie ad
agosto”. Bronzetti auspica che venga programmata una seduta
parlamentare, che puo’ tranquillamente tenersi anche non a
Palazzo Pubblico, chiuso ad agosto per lavori all’impianto
video-audio.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy