Al Partito Comunista di San Marino soldi dall’Urss. Patrizia M. Lancellotti, Corriere Rimini San Marino

Ieri udienza del  processo  contro Mario Scaramella avviato dall’avvocato di San Marino, Alvaro Selva.

Patrizia M. Lancellotti di Corriere Rimini San Marino:  Il consulente della commissione Mitrokhin alla sbarra per calunnia nei confronti dell’ex segretario agli Interni, parte civile nel processo riminese / «Caso Scaramella: una guerra politica» / L’avvocato Alvaro Selva spiega le sue ragioni. Gatti, ora Reggente, non potrà comparire in aula

Un personaggio scomodo, ha fatto capire l’avvocato, per i vertici dell’allora Dc, Gatti e Podeschi, che hanno deposto le armi con le quali si stavano attaccando per mirarle contro l’esponente della sinistra.

«Scaramella – ha detto ancora Selva – è arrivato a San Marino attraverso Podeschi, all’epoca capogruppo Dc in consiglio, per svolgere indagini su Gatti, compagno di partito». L’esperto viene in seguito incaricato, su proposta dell’allora segretario agli Esteri Fabio Berardi di una consulenza sulla sicurezza in territorio, il cui risultato, ha spiegato Selva « presentato attraverso l’Ecpp (organizzazione intergovernativa per la prevenzione del crimine ambientale di cui Scaramella era segretario generale) che paventava l’arrivo a San Marino di materiale nucleare. Ma in quella relazione non compare il mio nome».

C’è qualcuno che cerca di insinuare il sospetto su di lui e quel qualcuno, per Selva, è principalmente Gatti (la cui posizione nell’inchiesta è stata archiviata) ma anche il suo compagno di partito Podeschi. «Sono stato obbligato a dimettermi dal Consiglio non solo per le calunniose accuse per cui oggi sono stato chiamato a deporre ma anche per quelle di tangentismo conseguenti a tutta la guerra politica conseguente» ha detto Alvaro Selva.

A enfatizzare il rapporto che Selva ha dichiarato strettamente politico con l’ex Urss la notizia dei finanziamenti al partito comunista sammarinese da parte dei “compagni” russi. «Ho saputo di quei finanziamenti in dollari durante gli anni ’80 – ha ammesso Selva in aula – durante i direttivi di partito dai segretari Barulli e Ghiotti. Soldi che, in parte, venivano anche stornati al Pci italiano». L’udienza proseguirà il 17 gennaio 2012 con i testi dell’accusa. Fra i tanti chiamati a deporre anche Gatti che però nei sei mesi di mandato reggenziale non potrà comparire in aula. Scaramella (difeso dagli avvocati Massimo Krogh, Sergio Restelli e Piero Ippoliti) ha invece annunciato spontanee dichiarazioni.

 Leggi sui rapporti fra  Scaramella e i politici  di San Marino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy