Anis: spending review, scelta coraggiosa. Ma ora si devono vedere i fatti

In Consiglio Grande e Generale si stanno affrontando questa settimana temi economici cruciali per il futuro del Paese come la spending review, la riforma tributaria e il programma economico per il 2014.

Contestualmente all’auspicata riforma tributaria e all’introduzione dell’IVA – una doppia svolta non più rinviabile – si deve oggi mettere in campo una rigorosa azione di contenimento dei costi, che parta dal taglio delle numerose zone di spreco individuate e segnalate nella relazione finale della spending review. Un altro dato sotto gli occhi di tutti è che le retribuzioni medie dei dipendenti pubblici sono più alte del 25% rispetto a quelle dei dipendenti del settore privato.

Dopo aver insistito per anni, nel 2012 ANIS ha presentato un’Istanza d’Arengo per chiedere a gran voce di prevedere per legge l’obbligo di pareggio di bilancio. Uno strumento per mantenere in sicurezza i conti pubblici evitando pericolose derive. Avevamo chiesto un segno di responsabilità, di comprimere la spesa pubblica. Ma l’Istanza – condivisa in linea di principio da tutte le forze politiche – alla fine fu disattesa. Oggi ci troviamo nella condizione di dover compiere comunque questo sacrificio, poiché è conclamata la consapevolezza di dover di intervenire per la salvaguardia del Bilancio dello Stato.

Aver deciso di mettere in campo un’azione per revisionare la spesa pubblica è stata una scelta coraggiosa da parte del Governo e di tutto il Parlamento. Una scelta che abbiamo molto apprezzato. Ora però è giunto il momento della verità. Tutti quanti si aspettano che si compiano tagli veri sulle aree di criticità. E per questo serve una ulteriore dimostrazione di coraggio da parte di tutti, perché è in questo momento che il nostro Paese si gioca la partita più importante, quella per il rilancio.

A fine anno si prevede un ulteriore deficit di oltre 40 milioni di euro e il dato è destinato a peggiorare considerando che tutte le voci di entrata segnano una flessione e alcune di queste peraltro verranno definitivamente meno dal 2014, a seguito dell’entrata in vigore dell’accordo contro le doppie imposizioni con l’Italia. Ecco perché l’imperativo dunque è agire con decisione sul fronte dei tagli.

Peraltro, a fronte dei pesanti sacrifici richiesti – con la patrimoniale e non solo – oggi sono tutti i cittadini e tutte le imprese che pretendono, dalla politica, fatti concreti.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy