Artigiani inferociti: ‘La Csu non puo’ darci degli evasori’, Menicucci (Unas)

Artigiani sul piede di guerra per le ultime modifiche alla riforma fiscale concordate tra Governo e CSU.

Ne parla l’Agenzia Dire-Torre1

“Non e’ possibile che il sindacato possa condizionare e modificare la proposta di riforma, occorre tornare al testo uscito
dalla commissione”, tuona il presidente Loretta Menicucci, decisamente
stanca delle accuse di evasione che arrivano dalla Csu. “Non puo’
passare- attacca- il concetto che dato che ci sono degli evasori noi
dobbiamo pagare di piu'”. Le piccole e medie imprese dell’artigianato
sono in difficolta’, con “imprenditori che si indebitano per mandare
avanti l’azienda e che ora vengono massacrati da questa riforma”.

L’Unas
dunque dice “basta” al clima da caccia alle streghe, a chi alimenta lo
scontro sociale “mettendo contro le categorie e penalizzando chi non
evade”. E si schiera nettamente a favore di una vera equita’. “Non si
puo’ pretendere di colpire- si accalora il presidente- chi e’ gia’ in
difficolta’, e’ una discriminazione. E noi siamo i primi a subirla”.
L’associazione
chiede di tornare indietro sulle ultime modifiche concordate con il
sindacato, come la tassa fissa per autonomi e imprese individuali, che
per i redditi fino a 14 mila euro e’ pari all’attuale minimum tax,
ovvero a mille euro e sale progressivamente per le fasce
ulteriori fino a 1.400 euro.

 

 

 

 

Leggi Agenzia Dire-Torre1

GIORNALI PARLANO
DI

 

Webcam
Nido del Falco

Meteo San
Marino di N. Montebelli

Vignette

di Ranfo

Accadde oggi, pillola di
storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy