Asdico. La San Marino Card continua fino al 2011

La San Marino Card continua fino al 2011

SAN MARINO 23 GIUGNO 2010 – C’è la proroga della San Marino Card fino al 2011. Il via libera del Governo è arrivato nei giorni scorsi con un decreto. Soddisfatta l’associazione consumatori ASDICO: “Strumento importante per stimolare i consumi interni”

Con il Decreto delegato n. 106 del 18 Giugno 2010, l’Esecutivo ha provveduto a prorogare il Progetto della “San Marino Card” per un altro anno e mezzo.

“Accogliamo con molto piacere – interviene il Presidente dell’ASDICO Augusto Gatti – l’iniziativa del Governo di prorogare fino a fine 2011 il Progetto San Marino Card, progetto fortemente voluto dalla nostra associazione. La conferma della SMAC è oltremodo importante, in particolare in questo momento di crisi e di forte preoccupazione dei concittadini per la tenuta dei bilanci familiari. Ritengo che questo strumento abbia dato e potrà dare in futuro un importante contributo al ‘sistema Paese’: non dimentichiamoci che in momenti critici come quello attuale è importante mantenere i consumi delle nostre famiglie all’interno del territorio e, se possibile, attrarre a San Marino anche i consumatori del circondario.”

“E’ anche indispensabile – puntualizza il Presidente dell’ASDICO – che venga riunita con maggior frequenza e continuità la ‘Commissione di Verifica del Progetto San Marino Card’. Purtroppo sono alcuni mesi che questo importante organismo di controllo, di cui fanno parte le Associazioni dei Consumatori, non viene più convocato. In tale ambito sono infatti emersi validi suggerimenti e proposte che hanno permesso da un lato un sempre maggior successo della SMAC e dall’altro l’individuazione di alcune criticità che sono state poi corrette con le modifiche apportate nel gennaio scorso.”

“Siamo convinti – conclude Augusto Gatti – che lo strumento della San Marino Card abbia ancora moltissime potenzialità da esprimere e che possa contribuire in maniera importante al rilancio dei comparti turistico-ricettivo e commerciale, con importanti ricadute in termini di convenienza per i consumatori e le loro famiglie e anche per quanto riguarda lo sviluppo del sistema Paese.”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy