Attività consiliare

Il Consiglio Grande e Generale, nella serata di ieri, ha approvato due ordini del giorno presentati nel giugno scorso dal Gruppo dei Democratici di Centro. Il primo, che ha riscosso l’unanimità dei consensi, “invita il Governo a valutare la possibilità di instaurare rapporti diplomatici con la Bielorussia”, soprattutto in considerazione del fatto che “da molti anni, a San Marino, vengono accolti, tramite Associazioni forensi, bambini bielorussi per i cosiddetti programmi di risanamento dalle radiazioni nucleari”. Il secondo ordine del giorno è invece finalizzato alla realizzazione di un progetto integrato in materia di sicurezza stradale, incentrato “su politiche che portino alla riduzione del numero di incidenti stradali, incoraggiando gli utenti a un migliore comportamento, tramite una puntuale osservazione della legislazione vigente; sulla verifica dello stato attuale della viabilità, con l’individuazione dei punti critici in relazione alla sicurezza stradale; sul miglioramento delle infrastrutture stradali e viarie, con riferimento ai punti particolarmente pericolosi, attraverso l’attuazione di un piano generale del traffico; sulla costituzione di un organismo di monitoraggio, controllo e indirizzo, con compiti propositivi rispetto alle azioni da intraprendere; su una verifica dello stato legislativo in vigore in merito al rilascio delle patenti di guida e alle norme sanzionatorie e di comportamento relative alla circolazione stradale; sull’analisi e sulla valutazione dei fattori di rischio; sull’attuazione di provvedimenti di prevenzione, attraverso la formazione nell’ambito delle attività scolastiche, la promozione di azioni tese alla divulgazione di tecniche di guida sicura e l’attuazione di politiche socio-sanitarie in relazione allo stile di vita legato alla sicurezza stradale”. I Segretari di Stato competenti dovranno riferire su questi argomenti entro il mese di novembre. Un altro ordine del giorno presentato dai Democratici di Centro, che sarà votato in una prossima seduta, chiede di concordare con le Organizzazioni Sindacali tempi più celeri per l’inquadramento del personale precario individuato nell’Accordo del 1 dicembre 2005.

San Marino, 27.09.07

Pier Roberto De Biagi

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy