Azioni HERA: la gestione Ravaioli è un classico esempio di pessima amministrazione

Azioni HERA: la gestione Ravaioli è un classico esempio di pessima amministrazione

Il modo con cui il Sindaco di Rimini ha gestito ‘l’affare’ HERA è un classico esempio di pessima amministrazione e di cattiva gestione dei soldi dei cittadini.

La nostra posizione in merito è sempre stata quella di uscire da questa ‘mostruosa creatura’ che zitta zitta e con atteggio sempre più ‘famelico’, continua ad infilare le mani nelle tasche dei cittadini. E ciò non solo per reperire le risorse necessarie per opere indispensabili al nostro territorio, ma anche per mettere finalmente la parola fine ad uno scandaloso conflitto di interessi in danno dei cittadini: perché evidentemente se l’aumento (ingiustificato) delle tariffe a carico dei cittadini si traduce in (ingenti) utili per il Comune, quest’ultimo non avrà alcun interesse a svolgere il proprio ruolo di ‘controllore’ su Hera che continuerà a fare il ‘lavoro sporco’ per conto del primo. Così mentre aumentano le tariffe (e quindi gli utili per il Comune), l’amministrazione (che dovrebbe controllare ma che di fatto non controlla) per sottrarsi al giudizio degli elettori (beffati) potrà sempre dire ‘Visto che bravi! Noi le tasse non le abbiamo mica aumentate!’.

E così mentre il Comune di Rimini si è sempre dichiarato contrario alla vendita delle azioni di questa ‘gallina dalle uova d’oro’ da noi in più occasioni sollecitata, oggi scopriamo che non solo in parte l’ha già fatto, ma che l’ha fatto in modo maldestro, a meno del valore di quotazione, così gettando nella ‘spazzatura’ milioni di euro dei cittadini.

Appare dunque sempre più indispensabile ripensare al rapporto tra Comuni ed Hera: sicuramente bisognerà aspettare momenti migliori, ma è giunto il momento di monetizzare completamente il valore di Hera. La fuoriuscita dal famelico colosso dei ‘rifiuti’ metterà da un lato il Comune nella condizione di poter tutelare veramente i propri cittadini e dall’altro, consentirà di reperire le risorse necessarie da destinare realmente al rilancio della nostra città.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy