Bagno 26 a Rimini, il pm ha di nuovo posto i sigilli sulle opere non autorizzate sul demanio

Sotto accusa le opere non autorizzate sul demanio: un’area di 26 metri per 40 circa, all’interno della quale si trovavano sedie a sdraio e tavolini usati dai clienti della discoteca, una pedana in legno di 188 metri quadrati usata come pista da ballo, compresa la postazione per il disc-jockey, la creazione di due locali di somministrazione bevande ed alimenti, la trasformazione di area di ombreggio e passaggio in un locale di preparazione delle pizze. Il pm Irene Lilliu ha di nuovo posto i sigilli al Bagno 26.

Era già successo una prima volta sul finire della stagione turistica. L’ordine è stato eseguito dalla polizia municipale.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy