Banca Centrale di San Marino, nuovo attacco Psrs

Nuovo attacco politico del Partito Socialista Riformista Sammarinese  a Banca Centrale della Repubblica di San Marino  per come sta riducendo il sistema finanziario sammarinese, invece di risolvere la questione dei rapporti con l’Italia, primo impegno assunto dagli attuali vertici al momento della loro designazione.

La gestione dell’attuale vertice di Banca Centrale sino ad oggi si è
caratterizzata per la  liquidazione coatta di un istituto di credito (
Credito Sammarinese) e di numerose finanziarie, per il commissariamento e
l’amministrazione straordinaria di altre due banche (
Smib e Bcs), per la
progressiva diminuzione della raccolta bancaria scesa al di sotto della soglia
degli otto miliardi di euro, per l’incenerimento di decine di posti di lavoro
qualificati e per chiacchiere inopportune, annunci fasulli e interviste
disastrose. Non c’è la minima traccia dell’apertura di rapporti costruttivi con
la Banca d’Italia e con il Ministero dell’Economia, per l’instaurazione dei
quali venne nominato l’attuale Presidente che dal Segretario di Stato
per le Finanze era stato presentato come figura gradita alle principali istituzioni
politiche e finanziarie italiane
.

Vedi comunicato Psrs

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy