Benzina alle stelle anche a Rimini, “è meglio fermare tutto a causa dei prezzi insostenibili”

Benzina alle stelle, “prezzi insostenibili, a questo punto fermiamo tutto”

NICOLA STRAZZACAPA – In neppure dieci giorni i prezzi dei carburanti hanno subito rincari fra i 35 e i 40 centesimi al litro, arrivando a toccare in certe città i due euro e 60 centesimi in caso di benzina verde. Una corsa al rialzo che non risparmia nessuno e mette in grossissima crisi automobilisti, autotrasportatori, aziende agricoli, pescatori ma anche gli stessi distributori, che hanno ricavi pro litro e non sul prezzo finale. Una corsa che i bene informati ritengono figlia anche delle “manovre” a monte delle compagnie che si dice facciano consegne razionate per aspettare l’aumento del giorno dopo e abbiano triplicato i margini. Ma che è dovuta anche a tanto altro. Ad aiutarci a mettere ordine in una materia complessa è Roberto Baroni, presidente della Centro Petroli Baroni azienda leader del territorio. La sua stazione con sede a Santarcangelo opera sia nella distribuzione di prodotti petroliferi nel settore rete che nel settore extra-rete e una gamma attività che copre ogni momento della vita economica e quotidiana della società. (…)

Quali possono essere secondo lei le possibili soluzioni, ammesso ce ne siano? “L’unica strada è fermarci tutti perché i prezzi non sono più sostenibili per produrre con i costi del metano e della corrente elettrica a questi livelli”. (…)

Articolo tratto da Corriere Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy