Caos sanità a San Marino, Libera: “Non si possono sostituire i professionisti con i robot”

“Se tutti vedono la necessità di dotare i servizi Iss di un organico sufficiente, valorizzato e motivato, ma chi sta al vertice della sanità non lo comprende, c’è un problema veramente grave. A meno che davvero qualcuno non pensi che si possano sostituire i professionisti con i robot!”.

Lo dice Libera, ricordando in un comunicato “l’ilarità di qualcuno, durante la scorsa legislatura, nel commentare alcune proposte, definite fuori luogo o irrealizzabili”, ma, “al solito, il tempo restituisce dignità e spesso e volentieri ribalta i ruoli”.

“A costo di sembrare ripetitivi, non possiamo che esordire dicendo che se non ci fosse di mezzo la salute della gente, ci sarebbe davvero da ridere a crepapelle. E, perché no, anche contraccambiare con gli interessi la sterile ironia del movimento Rete”, evidenzia il partito di opposizione.

“A quanto pare, infatti, la sanità del futuro non sarà in mano a bravi medici, magari attirati nella Repubblica di San Marino da un sistema sanitario virtuoso e da condizioni favorevoli e la soluzione al problema del ricongiungimento del trattamento previdenziale San Marino-Italia. Questo no: sarebbe sin troppo facile e troppo bello! Il segretario Ciavatta, con a fianco il super direttore generale Bevere, con al seguito i suoi consulenti strapagati, infatti, ha ben altre idee e ha già tracciato la strada: ci aspettano i ‘robot’, che arriveranno via Dubai – dice Libera -. Sì, avete capito bene, i robot. Sembra proprio di essere in un film di fantascienza ambientato a San Marino, il cui costo per girarlo peserà sulle tasche dei sammarinesi! Registi i nostri prodi governanti, i quali secondo quanto si può leggere dalle pompose veline spedite ormai quotidianamente ai media, vogliono ‘dotare il territorio di una nuova struttura ospedaliera, capace di traghettare il sistema nel futuro e aprendolo agli sviluppi della robotica chirurgica e della genomica’”.

E ancora: “Bene procedere ad una visione di prospettiva, ma di pari passo si deve lavorare per la medicina territoriale. Tuttavia, si favoleggiano e millantano interventi fantascientifici, che magari potrebbero anche essere considerati in un prossimo futuro, ma non prima di avere risolto i gravissimi problemi dei servizi di base. La realtà oggi parla infatti di pazienti sempre più scontenti, di disservizi diffusi e di una medicina di base che non risponde alle lecite aspettative dei sammarinesi. Sembra davvero un dialogo fra sordi. Se da un lato i cittadini si lamentano, dall’altro i vertici Iss vengono premiati con premi produzione“.

“Se i sindacati chiedono soluzioni organizzative efficaci a tutela di utenti e dipendenti, Ciavatta e company replicano con un ‘super centralino’ del quale francamente non riusciamo a comprende appieno l’utilità in questo particolare momento, visto che le aspettative sono di ben altra natura”, chiosa Libera.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy