Caso “La Serenissima” a San Marino, Libera chiede spiegazioni al governo

Interpellanza del gruppo consiliare di Libera sul caso “La Serenissima”.

“Visto il decreto archiviazione disposto in merito alle denunce nei confronti di 8 cittadini sammarinesi per alcuni articoli comparsi su ‘La Serenissima’;

Considerato il frequente ricorso all’autorità giudiziaria da parte del Congresso di Stato in questa legislatura;

Libera interpella il governo per conoscere:

1. ​il numero di giornate uomo e costo sostenuto dall’Amministrazione per svolgere le attività di istruttoria per il fascicolo in premessa; 

2.​ il costo, nel rispetto del segreto istruttorio, della privacy dei cittadini e della separazione dei poteri, sostenuto, per le attività di polizia giudiziaria, dallo Stato per le attività d’inchiesta a carico dei tre Corpi di Polizia, quantificando anche le giornate uomo utilizzate;

3.  ​se corrisponde al vero che per le indagini relative ad un cittadino sammarinese residente in Italia sia stata avviata una rogatoria internazionale nei suoi confronti ed eventualmente quanto è costata tale operazione e se c’è il rischio di aver scalfito a livello internazionale la reputazione secolare di Stato democratico della Repubblica di San Marino; 

4. ​il suo parere rispetto ad una indagine che ha visti indagati cittadini comuni per aver inviato propri articoli su un quotidiano della Repubblica e se si ritiene funzionale alla stabilità del Paese e al rispetto democratico, della separazione dei poteri, l’utilizzo così assiduo della denuncia in Tribunale da parte del potere esecutivo;

5. ​chi ha disposto l’avvio dell’indagine e per quale motivo il segretario Ciavatta in Aula consiliare a specifica domanda aveva negato di aver presentato esposti in Tribunale;

6. ​se corrisponde al vero che il dirigente del Tribunale, Canzio, abbia sostenuto in sede istituzionale che il fascicolo sia stato aperto successivamente ad esposti di Segretari di Stato

7. ​se il dirigente del Tribunale, Canzio, nel caso specifico, abbia agito secondo le sue prerogative o si possa configurare una fattispecie di abuso di potere”.

Gruppo consiliare di Libera

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy