CCIAA. IN ROSSO IL BILANCIO 2010 E IL BUDGET 2012

ARZILLI: IN ATTO REVISIONE STRUTTURA PER RENDERLA PIU’ AUTONOMA
Segno rosso sui bilanci della Camera di commercio di San Marino sia nel 2010 che per il 2012. Se l’anno scorso l’ente ha chiuso l’esercizio con una perdita di 26 mila euro, le previsioni per l’anno prossimo parlano di un rosso da 6 mila euro.
Il segretario di Stato per l’Industria, Marco Arzilli, legge in Consiglio grande e generale i budget relativi al 2010 e al 2012, sottolineando nel primo caso la “contrazione dei servizi” e l'”abbattimento dei ricavi”, che non hanno comunque inficiato sull'”importante attivita’ di consulenza”. La Camera di commercio ha inoltre dovuto affrontare, attraverso una razionalizzazione dell’attivita’, il diminuito importo da parte dello Stato. Per il
2012, prosegue Arzilli, e’ in atto “una profonda revisione” per rendere l’ente un “punto di riferimento dell’economia sammarinese, prendendo in gestione piu’ servizi ora in capo alla Pubblica amministrazione”. L’obiettivo di fondo e’ rendere la Camera di commercio “piu’ autonoma, con una maggiore presenza al suo interno del mondo imprenditoriale”. Le modifiche serviranno anche a fare fronte alla perdita previsionale di sei mila euro sul 2012 dovuta, spiega Arzilli, “al minore contributo dello Stato, 250 mila euro, e a una minore richiesta di servizi”.
Intanto quest’anno, ricorda, e’ stato aperto il registro online delle imprese, che potrebbe anche includere informazioni sulle compagini societarie e sugli amministratori. La Camera di commercio, inoltre, ha avuto un ruolo importante nell’internazionalizzazione dell’economia sammarinese. Per il futuro si punta a un “rapporto piu’ stretto con il mondo dell’impresa”, conclude il segretario di Stato, in modo che l’ente sia il “giusto interlocutore tra parte pubblica e parte privata”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy