Collaborazione giudiziaria fra Milano e San Marino

A San Marino si dà la caccia
al tesoro di Fabrizio Corona

Chiesta una rogatoria dalla procura di Milano al Titano. L’obiettivo è quello di spulciare nei rapporti tra finanziarie, fiduciarie, banche del Titano e il re dei paparazzi oltre ad altri personaggi lombardi, piemontesi e riminesi


San Marino, 7 maggio 2009 – La procura di Milano fa i conti a Fabrizio Corona. E s’arrampica fino a San Marino. A cui chiede una rogatoria. L’obiettivo: spulciare nei rapporti tra finanziarie, fiduciarie, banche del Titano e il re dei paparazzi (oltre ad altri personaggi lombardi, piemontesi e anche riminesi). In mezzo alle società nominate anche la Corona’s srl, con sede a Milano, ”ora dichiarata fallita”, si legge in un atto del tribunale di San Marino.

Quello stesso atto firmato lunedì dal giudice Rita Vannucci. La richiesta di rogatoria è arrivata dal pm Eugenio Fusco, della Procura di Milano. La cronistoria è raccontata dallo stesso documento (in gergo giudiziario, chiaramente) del tribunale di San Marino. Che scrive questa premessa: “Visti gli atti del procedimento per rogatoria internazionale trasmessi dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Milano, firma del pubblico ministero Eugenio Fusco è stata dichiarata ammissibile la richiesta di assistenza giudiziaria in materia penale, che qui si intende richiamato e trascritto; preso atto che la Procura di Milano richiede l’estensione degli accertamenti a tutti gli istituti di credito e le società finanziarie con sede in Repubblica; ritenuto che la richiesta è certamente pertinente tanto sotto il profilo soggettivo quanto oggettivo, con il reato di bancarotta fraudolenta di cui si è già ampiamente argomentato nel richiamato decreto; a tale riguardo lo stesso pm richiama la segnalazione della Guardia di Finanza, solo per rilevare che la società Toy Boy srl con sede a Milano in via De Cristoforis 15” è amministrata da un personaggio che avrebbe dichiarato che titolare effettivo nonché socio unico è Fabrizio Corona, e quindi “accoglie la richiesta commissione rogatoria internazionale”.

Il giudice ordina quindi “l’esecuzione degli atti ed accertamenti istruttori richiesti, e cioè di estendere l’acquisizione della documentazione bancaria a tutti i conti e rapporti intrattenuti anche per interposta persona presso banche e/o fiduciarie con sede in San Marino ed intestati, o riconducibili” a Fabrizio Corona, a un riminese di 31 anni, ad altri personaggi lombardi e torinesi, a due srl milanesi e alla Corona’s srl “al fine — si legge nel documento — di acquisire tutta la documentazione bancaria relativa alle operazioni eseguite” nonché “copia della documentazione relativa ad operazioni disposte o eseguite per incarico dei soggetti sopra citati con società fiduciarie o finanziarie”.

Il giudice ordina anche “il sequestro dei rapporti aventi saldo positivo” e incarica “il servizio vigilanza di Banca centrale di accertare se tali somme eventualmente sequestrate, provengano dagli assegni circolari specificati nel decreto 30 aprile 2009”. Come e perchè i magistrati di Milano abbiano collegato Corona a San Marino non è dato sapere: di certo personaggi del suo staff sono stati visti, anche in Riviera, a bordo di potenti vetture con targa biancazzurra…

di Giorgio Guidelli

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy