Consiglio Grande e Generale. Venerdì 13 dicembre. Seduta del mattino. Agenzia Dire

 CONSIGLIO GRANDE E GENERALE 10-23 DICEMBRE

VENERDI’ 13 DICEMBRE – mattina 

I lavori del Consiglio grande e generale riprendono dall’esame
dell’articolato e degli emendamenti del progetto di legge per la riforma
tributaria. Nello specifico dall’articolo 13 “Redditi soggetti a imposizione
separata”.

All’articolo 16 “Detrazioni
soggettive” il consigliere del Psd,
Marino Riccardi, chiede di
ampliare alle convivenze di oltre 15 anni l’esenzione di 250 euro prevista per
il coniuge a carico. “C’è anche una sentenza del tribunale- precisa-  che le equipara alle coppie sposate”. Civico
10, Sinistra unita, Partito socialista e Rete sostengono la richiesta e
chiedono di renderla concreta attraverso un decreto delegato, stigmatizzando lo
scarso sostegno alle famiglie. “Non c’è un pregiudizio ad affrontare la
questione- spiega i
l segretario di Stato per le Finenze, Claudio Felici-
E’ già previsto un decreto delegato all’articolo e si esaminerà in quella sede.
La legge- aggiunge- non pone certo condizioni insostenibili per le
famiglie”. 

            Discusso
e licenziato il Titolo III, su “Redditi di terreni e Fabbricati”, nel corso del
quale il consigliere di Rete,
Roberto Ciavatta, lamenta che i
consiglieri di maggioranza non intervengono nel dibattito. Gli risponde
Mario
Lazzaro Venturini
di Ap: “Noi di Alleanza popolare  non
interveniamo non perché qualcuno ce l’ha ordinato, ma perché lo abbiamo fatto
in Commissione Finanze e in altre occasioni di confronto e discussione della
legge”.

            Al capo IV,
“Reddito di lavoro e da pensione”, all’
articolo 26, “Redditi da Pensione”, Rete
propone un emendamento per differenziare l’abbattimento forfettario previsto
per tutti i pensionati al 20%, l’emendamento viene respinto
. 

Roberto
Ciavatta, Rete sostiene l’emendamento.

A
sostegno dell’emendamento intervengono anche Andrea Zafferani, C10, e Tony
Margiotta

Claudio
Felici, segretario di Stato per le Finanze
esprime la contrarietà all’emendamento. L’emendamento di Rete è respinto.

Al
Capo VI, “Redditi diversi”, il Partito socialista presenta un emendamento
all’articolo 41,”Altri redditi”.
Interviene Paride Andreoli,Ps

L’emendamento
è stato respinto.
 

La
seduta della mattina si chiude al Capo II del Titolo III, “Dell’imposizione in
capo alle persone giuridiche”. L’ultimo articolo approvato è il 46
“Determinazione del reddito”. I lavori riprenderanno nel pomeriggio
all’articolo 47, “Inerenza economica”.

[Leggi la nota integrale dell’Agenzia Dire]


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy