Coronavirus. Dobbiamo invertire quella curva…, L’Informazione di San Marino

Il numero dei contagiati (casi attivi, guarigioni, decessi) è arrivato a 119

San Marino lo può fermare, se ci decidiamo a stare in casa

MARINO CECCHETTI “Un disperato bisogno di invertire quella curva… Stare in casa”
Anche qui, come in Italia, “C’è un disperato bisogno di invertire quella curva” [dal Corriere della Sera del 16 marzo]. Anche qui  il numero dei contagiati da coronavirus continua – un po’ meno – a crescere. In totale (casi attivi, guarigioni, decessi) è arrivato a 119, nonostante che siano state emanate disposizioni molto stringenti. Dobbiamo stare in casa. (…)
Ribadiamo che non ci piace la strada della ‘immunità di gregge’ che pare essere la scelta di Londra perché, di fatto, comporta il sacrificio delle persone più deboli. Non vorremmo nemmeno la ‘soluzione tecnologica’ applicata (con indubbio successo) da Cina e Corea del Sud e che, forse, sarà scelta da Israele. Non la vorremmo perché, per la nostra cultura, lo Stato non può mai superare la soglia della sfera personale, controllarci fino  dentro le case, quasi nell’anima.
Per invertire la curva non ci resta che applicare alla lettera le norme emanate per il bene comune. Stare in casa.

Leggi l’articolo integrale pubblicato dopo le 24

Tratto da L’Informazione di San Marino

Occorreevitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dal territorio della Repubblica nonché all’interno dello stesso, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute o per il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. E’ vietato l’assembramento di persone in parchi, piazze e giardini pubblici”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy