Coronavirus, Usc su confronto con il governo e linee da seguire

Coronavirus, Usc su confronto con il governo e linee da seguire

Unione consumatori sammarinesi, assieme ad associazioni datoriali e sindacali, si è confrontata in conference call con il governo alcuni giorni fa. L’esecutivo ha annunciato l’apertura di una “unità di crisi” per affrontare adesso la gestione e a seguire la ripartenza e il rilancio dell’economia del Paese post Covid-19; oggi ce ne sarà un’altra.

Nell’incontro telematico tenuto, si sono toccati molti argomenti e Ucs ha fornito in quella sede e anche tramite mail, ulteriori segnalazioni a noi pervenute dai cittadini/consumatori di San Marino, al Congresso di Stato.

Non tutto quello che suggeriamo è fattibile, o almeno non lo è nell’immediato ma il rapporto instaurato con i segretari di Stato, l’Istituto per la sicurezza sociale, Banca Centrale, Associazione bancaria sammarinese, Azienda autonoma di Stato per i servizi pubblici e molti uffici e enti è buono, costante, in alcuni casi quotidiano.

Ucs ha e continua a portare avanti i diritti dei consumatori, con segnalazioni puntuali e suggerimenti, senza mai dimenticarsi i suoi e i loro doveri.

“Sono fermamente convinti che il rilancio e anche l’attuale vita di San Marino, non possano basarsi sulla regressione sociale soprattutto a lungo termine. Pensare di gestire, o risolvere la situazione così, o considerare di prelevare liquidità dai cittadini, magari con l’opportunità di prelievi forzosi, non farebbe altro che innescare ulteriore sfiducia nella popolazione, rischiando di far portare via i risparmi rimasti dal nostro comparto bancario, con il timore reale di un ulteriore crash di sistema. È proprio in un momento come questo, dove i decreti legge attuati dal governo limitano alcune libertà personali, nell’intento di fronteggiare l’odierna crisi sanitaria per tutelare il fondamentale diritto alla salute; che lo stato di diritto, su tutto il resto, deve essere fondamentale e irrinunciabile per non creare iniquità, preoccupazione, sfiducia e allarmismo – dichiara il presidente di Ucs Francesca Busignani -. Sono fermamente convinta che il governo non contemplerà minimamente questa opportunità e non si avvierà sulla strada dei tagli o prelievi come sistema risolutivo o sinergico alla ripresa post virus, d’altronde anche Winston Churchill citava: ‘una nazione che si tassa nella speranza di diventare prospera è come un uomo in piedi in un secchio che cerca di sollevarsi tirando il manico’. È palese, purtroppo, a questo punto che il reperimento di liquidità dall’esterno, attraverso linee di credito, sia la strada necessaria per rilanciare il Paese; ma anche ora che non sono ancora attivi tali crediti, si devono mettere in campo tutte le azioni possibili a tutela dei cittadini, soprattutto delle fasce più deboli, che sia lo slittamento dei pagamenti delle bollette, l’abbassamento della quota da dedurre dalla Smac, il blocco dei mutui, i buoni spesa o accrediti su Smac alle famiglie più in difficoltà e quant’altro. Ucs si sta impegnando e continuerà ad adoperarsi in tal senso”.

 

Unione consumatori sammarinesi

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy