Covid, a San Marino scovati 25 nuovi positivi con sintomi lievi o assenti

Aggiornamento del 9 aprile da parte del Gruppo per le emergenze sanitarie della Repubblica di San Marino sull’emergenza coronavirus.

A fare il punto della situazione con i media e in diretta streaming è come di consueto Gabriele Rinaldi, direttore dell’Authority sanitaria, affiancato oggi dal dottor Enrico Rossi, direttore della Geriatria e dal Segretario di Stato alla Sanità Roberto Ciavatta.

 

Si parte con le buone notizie: nelle ultime 24 ore non si sono registrati nuovi decessi, che in totale restano 34 dall’inizio della pandemia.

Per quanto riguarda i contagiati si registrano 25 casi in più rispetto alla giornata scorsa, su ben 124 tamponi effettuati. Di questi 3 sono stati analizzati fuori dalla Repubblica, 121 dal nostro laboratorio di analisi. Dei tamponi negativi sono 51 quelli primi negativi di pazienti sulla via di guarigione. 

“È cambiato il ruolo dei tamponi – ha spiegato Rinaldi – ora andiamo a cercare quelle persone che possono aver avuto contatti con i positivi che hanno sintomatologia molto lieve o quasi assente. Per questo vengono trattati nel proprio domicilio e non occorre l’ospedalizzazione. Ora i positivi li stiamo andando a cercare” ha sintetizzato.  

Tornando ai dati, si registrano anche 4 nuovi guariti, che complessivamente salgono a 49.

contagiati totali salgono a 250.

Di questi 47 sono ricoverati all’Ospedale di San Marino, nel dettaglio 14 tra terapia intensiva e subintesiva e 33 nelle degenze di isolamento predisposte in vari spazi con sintomi moderati. 203 invece sono in isolamento sul territorio.  

Cinque persone sono state dimesse dall’ospedale per cui le dimissioni totali dall’inizio della pandemia salgono a 103.

 

Le quarantene attive sono 389, di cui 351 tra i famigliari e i prossimi dei contagiati, 31 nel personale sanitario e 7 delle Forze dell’ordine. 898 sono le quarantene terminate. In totale quindi sono state gestite 1.287 quarantene. 

 

tamponi totali effettuati sono 1.106, di cui 525 positivi e 578 negativi. Sono 3 quelli in attesa di risposta.

 

Il dott. Rossi ha sottolineato “il risultato straordinario” dell’assenza di contagi all’interno della casa di riposo gestita dall’Iss Casale la Fiorina. Un dato positivi rispetto alle situazioni d’allarme registrate in diverse strutture per anziane nel nord Italia.

 

Come prima cosa il Segretario Ciavatta ha evidenziato come siano stati regalati dei tablet per chi è all’interno dei reparti in isolamento. “Quello della solitudine è un elemento importante che vogliamo contrastare”.

“Domani – ha poi aggiunto – si terrà un incontro telematico con le parti sociali e tutti i partiti per discutere dell’ulteriore step da realizzare con i decreti. Si tratta di modifiche e rifiniture dei decreti esistenti. Dobbiamo cercare una via mediana tra chi chiede di chiudere tutto e chi di aprire tutto. Noi dobbiamo intervenire per preservare la salute dei cittadini e la capacità delle imprese e dei cittadini di poter superare economicamente la crisi. In questo senso stiamo cercando soluzioni per dare un supporto a chi è più in difficoltà”.

Sulla riapertura delle attività economiche il Segretario sottolinea che “si cercherà di far lavorare le aziende tenendo conto però delle necessità di distanziamento delle persone e del rispetto delle procedure”.

Sui nuovi positivi Ciavatta sottolinea che “in molti casi sono persone asintomatiche. Si stanno andando a cercare i contatti dei positivi più grave. Stiamo iniziando un percorso che auspichiamo possa condurci ad uno screening approfondito della cittadinanza”.

“La consegna a domicilio dei farmaci – ha aggiunto – e la ricettazione telematica stanno dando ottimi esiti, grazie ai volontari coordinati dalla Protezione civile”.

 

 

digià

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy