Crisi economica: le protezioni sociali sono previste anche per i lavoratori frontalieri

San Marino, 28 gennaio 2009

“Di fronte alla crisi i lavoratori frontalieri sono coperti da una serie di tutele sociali”. Lo affermano i segretari confederali, Giuliano Tamagnini (CSdL) e Luca Montanari (CDLS).

“Per i lavoratori italiani coinvolti nelle riduzioni di personale – spiegano – è infatti possibile accedere a 5 mesi di cassa integrazione ed anche alla indennità di disoccupazione italiana (pari al 60% dello stipendio) erogata dall’INPS in base ad accordi tra i due Stati”.

Tamagnini e Montanari puntualizzano inoltre che “il processo di stabilizzazione contrattuale avviato in questi ultimi anni, ha allargato ad un numero sempre più alto di frontalieri i diritti e le tutele previste per i lavoratori assunti a tempo determinato”. E aggiungono che “le confederazioni sindacali sammarinesi sono impegnate a varare un piano anti-crisi in grado di potenziare ed estendere le protezioni sociali a tutti comparti economici e ai casi di lavoro precario”.

I segretari confederali di CSdL e CDLS sottolineano infine che “riguardo alle crisi che interessano aziende con strutture sia in territorio italiano che sammarinese, nel consiglio sindacale interregionale si è convenuto di avviare un confronto politico generale sui fenomeni socio-economici che interessano queste realtà, fermo restando le autonomie organizzative e gestionali delle organizzazioni sindacali dei singoli Paesi”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy