Csu. Iniziate le assemblee con i lavoratori

Riforma tributaria: fermiamo il salasso!
4 SETTEMBRE 2013 – E’ partito il ciclo di assemblee della CSU con tutti i lavoratori e pensionati per dire No alla riforma tributaria. Doppio appuntamento oggi al Teatro di Borgo, che ha registrato una massiccia partecipazione in particolare nell’assemblea pomeridiana.  
Al centro della discussione la proposta di riforma tributaria presentata dal Governo in prima lettura.  “Una ricetta a senso unico che calpesta i diritti di equità, solidarietà e giustizia sociale”,  è il giudizio della Centrale Sindacale Unitaria  che chiede all’Esecutivo di “fermare un salasso fiscale che arriva a sestuplicare il prelievo per i lavoratori dipendenti e colpisce duramente anche i pensionati”.
Progetto di riforma, insistono  CSdL e CDLS,  “che non prevede concrete misure per l’accertamento dei redditi dei lavoratori autonomi e per la lotta alla diffusa elusione ed evasione fiscale”.   
E quanto sia cruciale il  fronte delle misure anti-evasione lo dimostrano i dati aggiornati sulle tabelle dei contribuenti.
Nel 2012  due società su tre hanno denunciato meno di 10mila euro, mentre nella  galassia del lavoro autonomo (liberi professionisti, commercianti e artigiani) quasi nessuno dichiara un reddito superiore a 25 mila euro.  “Cifre emblematiche – afferma la CSU – di un sistema tributario arretrato, che non ha gli strumenti per accertare e tassare adeguatamente una consistente fetta di redditi e di patrimoni di ampi settori del lavoro autonomo”.
Il Governo ha intanto convocato per mercoledì prossimo (11 Settembre) le Confederazioni sindacali. Per l’occasione la CSU ha deciso di replicare la manifestazione dello scorso 25 luglio,  convocando davanti a Palazzo Begni l’attivo dei delegati sindacali, aperto a tutti i lavoratori, i pensionati e i cittadini.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy