Dal Liechtenstein rimbalza a San Marino il nome di Giampaolo Corabi

Ieri si è appreso che nella lista dei nomi di coloro che si sono serviti di banche del Liechtenstein ci sarebbe anche quello di Giampaolo Corabi, commercialista e fiscalista riminese con studio a Milano.

In effetti il nome Corabi è presente anche nelle cronache sammarinesi per un episodio inquietante e del tutto eccezionale per la Repubblica di San Marino. Nel 2004
un ordigno era esploso davanti alla villa di Mike Bruschi, a Cailungo, dove Corabi abitava e dove aveva sede una società finanziaria svizzera, la Fey Research, di cui Corabi era amministratore.

Già un altro ordigno era esploso a Rimini dove Corabi aveva lo studio.

Corabi, fra l’altro, era finito in manette a Prato arrestato dalla Guardia di Finanza con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale. Il tesoro di Corabi, si disse allora che sarebbe stato trovato in Svizzera dalla Guardia di Finanza di Roma (e non a San Marino), sotto forma di conti intestati allo stesso Corabi e a sua moglie Donatella Garofoli. Si era parlato allora di due milioni di euro.

Ora, per il Liechtenstein, si è arrivati a parlare di 15 milioni di euro. ‘ Mai depositati 15 milioni di euro in alcun conto corrente‘, ha detto subito Corabi.

Corabi era divenuto famoso a Rimini come titolare della Adiuncta, una società di consulenza tributaria internazionale.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy