Decreto salvabanche. Cittadinanza Attiva

Ma il decreto salva banche non doveva servire soprattutto per tutelare i dipendenti e i loro posti di lavoro? Già al momento della sua approvazione questo decreto aveva fatto sorgere molte polemiche da parte della cittadinanza.
Il decreto, nonostante il titolo vago e rassicurante (“misure urgenti a sostegno di operazioni a tutela dei risparmiatori”), ha avuto la precisa funzione di favorire l’acquisizione di Euro Commercial Bank – un istituto sull’orlo del fallimento – da parte del Credito Industriale Sammarinese. Si è rivelato però l’ennesimo intervento alla giornata per il salvataggio di una banca a danno delle finanze pubbliche.
Cittadinanza Attiva era assolutamente contraria visto che il Consiglio era stato messo nelle condizioni di votare senza sapere nulla, di votare un’operazione che ha messo sullo Stato l’integrale “buco” della ECB senza garanzie, considerando gli sgravi concessi alla banca “salvatrice”.
Il Governo aveva spacciato questa manovra come utile per garantire l’interesse pubblico alla tutela del risparmio e, di conseguenza, la stabilità del sistema creditizio sammarinese in presenza di situazioni di difficoltà patrimoniali non recuperabili nelle banche sammarinesi ma soprattutto per tutelare i dipendenti e i loro posti di lavoro.
Tutele che però a quanto pare non ci sono nel Decreto, come sostenuto anche dal presidente di CIS Merlino in questi giorni, e che quindi rimangono solo nelle belle parole del Segretario Felici! Per questo vorremmo ancor più sottolineare l’ipocrisia di chi ha sostenuto in CGG quel decreto (e ci sono le registrazioni) sottolineando il problema dei lavoratori.
Lavoratori che ora sono stati licenziati!!!! Crediamo sia opportuno trovare al più presto una soluzione e che il Segretario alle Finanze riferisca in CGG su una vicenda che come sempre graverà soprattutto sulle spalle di cittadini e lavoratori.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy