Dipendenti della banche preoccupati

Gli addetti del settore bancario sammarinese stanno vivendo con forte preoccupazione il momento di incertezza che contraddistingue i rapporti Italo-Sammarinesi.

La grandi difficoltà che sta attraversando il sistema bancario e finanziario sammarinese hanno un forte impatto sull’intero sistema economico e sociale del nostro Paese ma, soprattutto, preoccupano fortemente le centinaia di addetti a questo importantissimo settore.

“Le innumerevoli problematiche irrisolte, riguardanti i rapporti tra il nostro Stato e l’Italia – interviene il Segretario della FULSAC CSdL Isabella STEFANELLI – che hanno portato alla gravissima situazione di questi giorni, è fonte di grande preoccupazione per i dipendenti bancari e per le loro famiglie. A seguito delle note disposizioni emanate dalla Banca d’Italia e dai gestori dei circuiti interbancari ICCREA ed ICBPI, l’operatività delle nostre Banche rischia di essere fortemente compromessa. I gestori anzidetti hanno infatti confermato l’interruzione dei servizi prestati, rispettivamente, per il 20 Febbraio e per il 2 Marzo prossimi.”

“Il blocco di fatto dell’operatività di un settore vitale come quello bancario e finanziario – interviene il segretario della FCS – CDLS Gianluigi GIARDINIERI – è un fatto gravissimo che avrà ripercussioni molto rilevanti non solo per le aziende sammarinesi, ma anche per tutti i cittadini e residenti nella nostra Repubblica. Tutto questo purtroppo accade in un momento molto delicato, con la crisi economica globale che ha iniziato a produrre i suoi deleteri effetti anche nel nostro tessuto economico e sociale.”

“In un momento critico come quello attuale – precisa Isabella STEFANELLI – è fondamentale mettere da parte le polemiche politiche e personali e cercare di “fare squadra” ed intervenire ad ogni livello – tecnico e politico – per cercare di ripristinare la normale operatività tra i due Paesi. Non servono prese di posizioni eclatanti, ma un paziente, intenso e riservato confronto e dialogo tra le delegazioni tecniche e politiche italiane e sammarinesi.”

“Interpretando il pensiero e le preoccupazioni dei dipendenti della banche e delle finanziarie sammarinesi – conclude Gianluigi GIARDINIERI – vogliamo confermare la massima fiducia nell’Esecutivo e nelle delegazioni tecniche. Auspichiamo che la politica – una volta tanto – faccia un salto di qualità e che si abbandonino le sterili polemiche tra maggioranza ed opposizione: in questo caso in gioco c’è il futuro di tanti lavoratori e delle loro famiglie, del nostro sistema economico e, soprattutto, del nostro Paese.”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy