Estesa dalla Bce la linea di liquidità precauzionale da 100 mln a supporto delle banche di San Marino

Comunicato congiunto di Banca centrale europea (Bce) e Banca Centrale della Repubblica di San Marino (Bcsm): estesa la linea di liquidità per le banche di San Marino fino al 15 gennaio 2023.

Il consiglio direttivo della Bce ha deciso di estendere la linea di liquidità precauzionale a supporto delle istituzioni finanziarie sammarinesi in presenza di possibili disfunzioni del mercato, tramite Bcsm, sino al 15 gennaio 2023.

Nella nota la Bce ricorda che le linee di credito speciali per i sistemi finanziari di paesi europei anche fuori dall’Ue sono state istituite nel 2020 per far fronte a possibili esigenze di liquidità in presenza di disfunzioni del mercato dovute alla pandemia da Coronavirus. Oltre a San Marino sono stati coinvolti Ungheria, Albania e Repubblica di Macedonia del Nord.

Per il Titano la Bce ha messo a disposizione fino a 100 milioni di euro, Macedonia e Albania potranno avere fino a 400 milioni mentre l’Ungheria può avere fino a 4 miliardi di euro.

“A seguito di richieste delle banche centrali – scrive la Bce – e sulla base di una valutazione positiva caso per caso da parte del Consiglio direttivo, queste linee di swap e repo sono state concesse fino al 15 gennaio 2023. Nel contesto delle accresciute tensioni geopolitiche innescate dall’invasione russa dell’Ucraina, le linee sono concepite per prevenire effetti di spillover nei mercati finanziari e nelle economie dell’area dell’euro che potrebbero incidere negativamente sulla regolare trasmissione della politica monetaria della BCE. Nel contempo, è stata data piena considerazione alle sanzioni comunitarie applicabili, alle quali la BCE si aspetta che le sue controparti si conformino, in modo che le linee non siano utilizzate per aggirare le sanzioni”.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy