Fabbri (Abs) commenta lo scambio di informazioni finanziarie fra San Marino e l’esterno

Pier Paolo Fabbri, presidente dell’Associazione Bancaria Sammarinese, commenta la nuova situazione che si è venuta a determinare nella Repubblica di San Marino con la nuova interpretazione del segreto bancario di Banca Centrale e la risoluzione dell’Agenzia di Informazione Finanziaria che entra in vigore oggi.
Questa la dichiarazione di Fabbri rilasciata a San Marino Oggi: ‘era una condizione sine qua non ed eravamo pienamente coscienti di questo per poter restare ed operare nel sistema italiano‘.
Conclude il giornale: ‘chiunque abbia i soldi depositati a San Marino è tutelato dalla riservatezza bancaria, ma appena li sposta fuori Repubblica, magari tramite una società anonima o grazie a una fiduciaria, sarà comunque identificato ai fini dell’adeguata verifica. E non solo dagli organi preposti di San Marino, ma da quelli del Paese ricevente. Sarà la banca italiana o estera che riceve il bonifico o l’assegno a richiedere i dati alla banca sammarinese, e questa dovrà fornirli‘.

Vedi:
interpretazione segreto bancario (Bcsm)
normativa scambio di informazioni (Aif)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy