Festa dell’Amicizia 2016. Prima serata. Pdcs

43°
FESTA DELL’AMICIZIA – I SERATA

(comunicato
stampa)

Un
buon inizio per la
43a
Festa dell’Amicizia del Partito Democratico Cristiano Sammarinese

– che proseguirà fino a domenica 21 agosto – con circa 2.000
partecipanti in piazza Bertoldi, nonostante le incerte condizioni
climatiche.

La
prima serata ha avuto in piazza la musica delle orchestre di
La
Nuova Romagna Folk
e L’Arena
del Folk
, insieme allo spettacolo dei
ballerini della
Rimini Dance Company.

Sulla
terrazza dell’Ex-Ritrovo, riempita dai partecipanti, si è tenuta
la prima serata politica sul tema
“E’
UNO DI NOI: tutela, accoglienza e valore sociale della vita nascente”

che ha visto come relatori
Francesco
Mussoni, Pasquale Valentini, Lara Berzanti, Paolo Marchionni e Pino
Morandini
.


Pasquale
Valentini
ha subito
chiarito a
Franco Cavalli,
moderatore della serata,
come
il fatto che un essere umano possa disporre della vita di un altro
essere umano si scontri, sul piano della ragione, si scontri con la
dignità stessa della persona. «Le istanze d’arengo chiedono che
la donna, la madre, possa disporre della vita di un altro essere
umano, suo figlio. L’unico momento in cui uno può pensare di agire
contro un altro essere umano è quando c’è in gioco la vita stessa
della persona. Non ci sono altre ragioni». Ribadendo che non ci sono
motivazioni ragionevoli che giustifichino la legalizzazione
dell’aborto,

a meno di negare
 l’esistenza
di un altro essere umano, Valentini ha sostenuto che mantenere la
legislazione attuale, che vieta l’aborto, costituisce una
importante testimonianza per l’Europa
 di
come la tutela e l’accoglienza della vita siano un bene per lo
Stato. «Io non mi vergogno, in ambito europeo – ha chiuso il
Segretario agli Affari Esteri – di essere vicino a quei Paesi che
‘riconoscono’ i diritti della persona, invece di ‘conferirli’
per mezzo di una legge».

Lara
Berzanti,
operatrice del
Servizio Famiglia e Vita della Comunità Papa Giovanni XXIII,
riportando ai presenti la propria esperienza sul campo ha evidenziato
come «
su
tre mamme, se vengono aiutate, due scelgono di non abortire. Serve
una vicinanza ed una amicizia concreta, oltre ad aiuti economici e
psicologici». Un sostegno considerato giusto dare – ha continuato
la Berzanti – per non uccidere un bambino, ma decidere di tenerlo,
nonostante una cultura in cui ci sono indifesi che non possono dire
nulla e altri decidono per loro. Il lavoro con il consultorio di
Rimini fa emergere come la maggior parte delle donne arrivano al
Servizio Accoglienza Vita nel

‘dubbio’

e senza trovare alternative all’aborto, affrontato solo come
problema. «Noi cerchiamo di trovare

alternative
 di
sostegno e di amicizia anche nel tempo. A volte basta proprio
poco,
 basta
esserci
.
Chi si rivolge e chiede un aiuto implicitamente vuole già essere
aiutato. Con la nostra attività cerchiamo di evitare le ferite e le
cicatrici profonde che si creano con l’aborto. Nessuna donna che ha
scelto per la vita è tornata indietro dicendo di avere sbagliato.
Tutte sono felici – ha chiuso la relatrice – di avere tenuto il
proprio figlio».


Paolo
Marchionni
, medico legale
di Pesaro
incalza
sulle istanze d’arengo dicendo che «leggere sulle istanze che
andrebbe sancita la prevalenza della vita materna, senza
equiparazioni ideologiche tra donna è feto, è quanto di più
assurdo si possa dire dal punto di vista scientifico. Oggi, dal punto
di vista scientifico, il
 
feto
 è uno
di noi
fin
dal concepimento. Dire che debba prevalere la madre sul feto, questo
sì che è ideologico. Dal punto di vista medico non riesco ad
accettarlo». Considerando la realtà attuale, per cui a San Marino
una
norma impedisce l’interruzione di gravidanza ma rimane possibile
rivolgersi all’Italia,

bisogna

dare impulso – ha proseguito Marchionni – ad una strategia di
prevenzione dell’aborto, per aiutare la donna a scegliere
diversamente dall’aborto. Interrogato sugli effetti della legge
sull’aborto in Italia Marchionni ha continuato dicendo che «prima
dell’introduzione della legge sull’aborto in Italia, si stimava
che gli aborti clandestini fossero più di 100.000 all’anno. Con
la legge in vigore, nel 1983 ci sono stati più di 230 mila aborti.
Anche il ruolo del medico è cambiato, perdendo il proprio ruolo di
accompagnamento educazionale, sempre più mero esecutore di volontà
altrui piuttosto che propositore ed esecutore di buone pratiche».

Pino
Morandini
, Vice
Presidente del Movimento per la Vita ed

Ex-Magistrato,
ha esordito dicendosi
contento
che ci sia ancora un partito come la DC che affronta argomenti come
questi con
 coerenza.
«
Le
condizioni economiche – ha sostenuto Morandini – sono un problema,
ma il primo problema è la
 solitudine.
Se sei lasciata sola è umano che tu pensi all’aborto. La prima
cosa da sconfiggere è la solitudine». In 40 anni, i bambini nati
grazie ai Centri di Aiuto alla Vita sono stati circa 170.000, una
cifra importante ma definita irrisoria, se paragonata ai quasi 6
milioni di aborti avvenuti dopo l’approvazione della legge 194
italiana.
Secondo
Morandini, serve u
na
cultura che consideri il figlio un soggetto di diritto,
indipendentemente dallo stadio di vita in cui si trovi, e la famiglia
come cellula fondante della società. «I

diritti

fondamentali
 di
ciascuno di noi – ha proseguito il relatore – non ce li dà lo
Stato ma li abbiamo noi come persone. Se noi abbiamo il diritto
fondamentale a vivere e, invece, uno Stato si permette di dire quale
soggetto ha diritti e quale no, è uno stato
 totalitario
o
 Democratico?».
Rispetto alla situazione nei paesi europei Morandini ha evidenziato
come l
a
legislazione polacca e quella spagnola siano identiche, con la sola
differenza riguardante la tutela della vita umana e l’impegno a
farsi carico della madre e del bambino “fin dal concepimento.
Risultato: in Spagna ogni anno ci sono 180.000 aborti, in Polonia
solo 180 unità.


Francesco
Mussoni,
che ha aperto e
chiuso il dibattito, ha sottolineato fortemente tutti gli sforzi
fatti per garantire, da parte dello Stato, tutti i sussidi possibili
per il mantenimento del nostro stato sociale, a tutti i livelli. «Noi
abbiamo l’obiettivo di non abbandonare nessuno. Quindi anche questo
tema è centrale. Siamo contrari all’aborto e vogliamo assicurare
tutti gli strumenti di sicurezza sociale che il nostro sistema
riconosce per accompagnare le persone quando sono in difficoltà».
Ritenendo importante il messaggio
che
il
 Partito
Democratico Cristiano Sammarinese
 ha
inteso

passare con questa serata, riguardo alle istanze d’arengo –
considerate da Mussoni ‘provocazioni’ a livello istituzionale –
il Segretario ha evidenziato che serve un

forte impegno
 per
potenziare le politiche di accoglienza e sostegno alla vita. «Il
valore simbolico

di
questa serata – ha concluso il Segretario alla Sanità – è molto
forte, e l’azione del Partito molto chiara. Invito, quindi, il
Partito a continuare il
 dialogo
con
le
 associazioni
e
con la
 società
civile
 per
giungere a proposte legislative a
 difesa
della vita».

Il
video integrale della serata è sul canale youtube del PDCS,
www.youtube.com/pdcs1948

e
sul sito www.pdcs.sm,
dove troverete anche tutte le immagini della serata di ieri nella
gallery.

Questa
sera, venerdì 19 agosto, in piazza Bertoldi, alle ore 20.00 ci sarà
lo spettacolo varietà proposto dai ballerini di
Casadei
Danze Show,
seguito alle ore 21.00
dalla musica dell’Orchestra
Matteo Tarantino
! Il tutto insieme agli stand
gastronomici
, stand
espositivi
e ruota
della fortuna.

Agli
orti Masi, alle ore 19.00 animazione bimbi, zucchero filato,
palloncini, trucca bimbi, castello gonfiabile e lo spettacolo delle
bolle di sapone giganti
sapone e dalle ore
21.00
l’Amicizia Live,
vedrà sul palco le band emergenti locali che ci proporranno ottima
musica locale!

Sulla
terrazza dell’ex-Ritrovo, questa sera, a partire dalle 21.00, una
tematica riguardante i giovani
“SAN
MARINO AI GIOVANI: restituiamo un Paese migliore di come lo abbiamo
ricevuto”
che vedrà
sul palco la presenza di
Teodoro
Lonfernini, Gian Carlo Venturini, Alessandro Cardelli, Emanuel
Colombini e Riccardo Stefanelli,
moderati
da
David Oddone di
La Tribuna.

La
serata sarà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook del Partito,
www.facebook.com/PDCS.SanMarino.

L’ufficio stampa del PDCS

San
Marino, 19 agosto 2016

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy