Un’altra prova che i governanti sono servi dell’Uomo-bastone-del-pollaio

Un’altra prova che i governanti  sono servi
dell’Uomo-bastone-del-pollaio

LIBERTAS  24/10/2005

TRIBUNA 25/10/2005
(Giochi San Marino, nuova regalia dal
Governo?)

La questione dei giochi tiene ancora banco. Non è bastato il
trasferimento delle sale dal Kursaal a Rovereta. Trasferimento autorizzato dal
Congresso di Stato il 1° agosto: appena dieci giorni dopo che TRIBUNA ha reso
pubblico che dalle zone limitrofe era partita una denuncia verso il governo
italiano per violazione del trattato italo-sammarinese in materia di giochi
d’azzardo.

Il Congresso di Stato non aveva alcun obbligo di concedere alla
Giochi San Marino il trasferimento in quanto la convenzione del 2001 fissa la
localizzazione di tali attività nel centro storico. Il trasferimento è stato una
pure regalia dei governanti.

Ora corre voce di un’altra regalia degli stessi governanti a
favore della stessa società: la proroga della concessione. Nonostante che detta
proroga non sia prevista dalla convenzione (quella del 2001) che all’art.19
stabilisce: la durata della concessione è per anni 5. Punto e basta.

Ha dichiarato Fausta Morganti (Partito dei Socialisti e dei
Democratici) appena due settimane dopo la fine del suo mandato reggenziale:
Noi dobbiamo combattere l’affarismo, inteso nel suo significato più
deleterio, che usa lo Stato come fosse di sua proprietà, e per farlo abbiamo
bisogno dell’aiuto di tutti, Dc compresa, perché l’affarismo è trasversale in
tutti i partiti
.

Occorre non lasciare perdere questo appello e mobilitare anche
la società civile perché, presso i sammarinesi onesti, non venga uccisa anche la
speranza e si risparmi al paese un’ulteriore umiliazione. In un rapporto sugli
Stati del mondo è stato scritto che il nostro paese non è fra quelli in cui i
governanti si preoccupano di combattere la corruzione. Come dire che è un paese
corrotto. Non vorremmo che la prossima volta si debba leggere che San Marino è
finito fra gli Stati in mano agli avventurieri dell’affarismo.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy