Governo di San Marino: l’antimafia italiana sbaglia e Galullo peggiora

Il Governo   ritiene che quanto si legge  nella relazione antimafia italiana riguardo la  Repubblica di San Marino è infondato ed errato,  e che  il giornalista Roberto Galullo di IlSole24Ore, stralciandone alcuni passi,  ha ulteriormente distorto la verità dei fatti. 

 Un giornalista italiano, prontamente ripreso da chi – all’interno del Paese –
invece di difenderlo collabora quotidianamente all’azione denigratoria, riporta
alcuni stralci di quella che a suo avviso sarebbe la relazione della DIA
pubblicata questa settimana.
San Marino ha brillantemente superato l’ultimo
esame Moneyval, che ha avuto luogo nel 2011. Certo si può sempre migliorare e
fare di più e San Marino si sta attrezzando per adempiere puntualmente alle
raccomandazioni di questo importante Comitato, con il quale da tempo intrattiene
rapporti di fruttuosa collaborazione. E’ dunque evidente che a livello
internazionale San Marino è considerato un soggetto capace di offrire garanzie
sia sotto il profilo dell’antiriciclaggio che del contrasto al terrorismo.
La
legislazione penale concernente i reati fiscali è stata modificata ed è dunque
ora possibile – come regolarmente avviene – collaborare in maniera proficua con
le autorità degli altri Paesi per la repressione degli stessi
.

Vedi comunicato stampa dell’Ufficio stampa del Congresso di Stato

Leggi anche

Banca
Centrale di San Marino? I vertici espressione dei vigilati. Antimafia

San
Marino sia posto sotto il controllo diretto di Bankitalia. Antimafia

 

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy