Hotel di Rimini e Riccione pronti a reclutare personale dall’Albania

Turismo, lavoratori reclutati in Albania. “Dai 200 ai 300 giovani già formati”

PATRIZIA LANCELLOTTI – Lavoratori del turismo reclutati in Albania. “Non sarà la soluzione definitiva alla carenza di personale che abbiamo ormai da anni ma è già un primo passo positivo”, commenta Luca Cevoli, direttore di Aia Riccione. Con l’opportunità data agli associati delle Associazioni di Rimini e Riccione da Cefal “potrebbero arrivare in Rivera 200-300 giovani da impiegare nelle nostre strutture in tutti i ruoli necessari”. “Che sono poi tutti”, aggiunge Patrizia Rinaldis, presidente degli albergatori riminesi, “nel senso che non c’è una figura preminente che manca nei nostri hotel, si fa fatica a reclutare personale, e non si può affrontare un’altra stagione come quella della scorsa estate”. “L’unico problema per alcuni albergatori – spiega Cevoli – potrebbe essere quello di dovere fornire l’alloggio al personale albanese e molti hotel hanno riconvertito questi spazi originariamente destinati appunto al personale”. (…)

Articolo tratto da Corriere Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy