Il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Rimini: “Super Green Pass lede i diritti degli imputati”

Gli avvocati riminesi: “Super Green Pass lede i diritti degli imputati”

ENRICO CHIAVEGATTI – (…) “L’Ordine non entra nel merito della questione vaccinale e delle normative emergenziali a tutela della salute pubblica – sottolinea il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Rimini, Roberto Brancaleoni – , obiettivo certamente da perseguire in ogni modo tenuto conto della gravità della situazione pandemica che siamo costretti ad affrontare da due anni a questa parte. Non possiamo tuttavia non rilevare alcune chiare illogicità contenute nell’ultimo decreto legge, in particolare dove tratta il difensore in maniera opposta rispetto alle parti e ai testimoni, che possono accedere al Tribunale senza Green Pass e senza tampone con il conseguente rischio sanitario, e dove tratta il difensore non vaccinato in maniera opposta a seconda che abbia più o meno di cinquanta anni”. Conclude Brancaleoni: “Se il Green Pass è considerato strumento necessario e valido per la tutela della salute pubblica in questa fase all’interno degli uffici giudiziari, devono valere le stesse norme per tutti e mai in ogni caso deve essere toccata l’effettività della difesa. Dove c’è una parte in causa deve esserci anche il suo difensore”.

Articolo tratto da Corriere Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy