Il Psd vede l’adesione alla UE come unica strada possibile

Il Partito dei Socialisti e dei Democratici (ex coalizione Riforme e Libertà, minoranza in Consiglio Grande e Generale) accoglie con soddisfazione la sentenza del Collegio Garante che ha dichiarato l’ammissibilità del referendum per l’adesione all’Unione Europea.

Il Psd vede la UE come unica scelta possibile, in grado di garantire prospettive future alla Repubblica perchè, come spiega il segretario Gerardo Giovagnoli, altre strade quali Spazio Economico Europeo e integrazione degli accordi esistenti, non rappresentano soluzioni altrettanto valide. “Scegliere il percorso europeo – prosegue Giovagnoli – è fondamentale per fare capire che San Marino ha compreso quale strada intraprendere”, riferendosi anche all’attuale situazione di stallo nei rapporti tra Italia e San Marino.

Il capogruppo del partito, Claudio Felici, ribadisce inoltre che la posizione del Psd non è un “dogma” e si auspica che il confronto su tale questione, possa venire affrontato senza pregiudizi da parte di tutte le forze politiche.

Il referendum necessita 10.300 Sì per il raggiungimento del quorum, ma il Psd è fiducioso in quanto alcuni anni fa, un sondaggio vedeva la maggioranza della popolazione a favore di questa scelta.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy