Il successo della 35esima edizione della Festa dell’Amicizia

35° FESTA DELLA AMICIZIA:
la gente stretta intorno al PDCS chiede una politica per il Paese.

La 35° edizione della Festa dell’Amicizia che si è svolta a Serravalle dal 20 al 24 Agosto ha segnato quest’anno, per la numerosissima partecipazione ( oltre 13.000 presenze ) e per il messaggio politico che ha comunicato, un successo al di là delle più ottimistiche previsioni, a conferma del ruolo di riferimento che il PDCS è chiamato a svolgere in questo delicato momento politico.
Come è stato sottolineato nell’intervento di chiusura, la presenza di migliaia di persone alle serate di questa grande festa, le centinaia di persone che hanno affollato i dibattiti politici, i tantissimi giovani che hanno preso parte al Live Festival, ma ancora più il lavoro e la dedizione gratuita di tanti che hanno reso possibile questo momento, sono stati la testimonianza che la gente non ha perduto la speranza che la politica possa essere esercitata con l’intento di operare per il bene comune.
Due sono in particolare gli elementi che dal successo dell’iniziativa si possono dedurre.
Innanzitutto il fatto che è ancora vivo nella gente un desiderio di partecipazione e la disaffezione alla politica non è rivolta alla politica in quanto tale, ma alla politica fine a se stessa e perciò lontana dai problemi della vita reale.
In secondo luogo è apparso chiaro che corrisponde alle aspettative dei cittadini l’ipotesi di una coalizione come quella che il PDCS è impegnato a costruire con le altre forze politiche, perché vedono in essa la possibilità di garantire al Paese la stabilità politica di cui ha bisogno e quindi le condizioni per un governo che “ faccia quello che dice” come è stato ribadito.
A sottolineare inoltre la rilevanza di questo momento sono stati anche la presenza e le parole dell’ On. Maurizio Lupi vice-presidente della Camera dei Deputati della Repubblica Italiana, che ha incoraggiato il percorso di aggregazione già avviato e ha testimoniato la disponibilità e l’impegno a trovare forme di collaborazione sempre più efficaci e significative.
Il PDCS, nel dare atto dello sforzo organizzativo che tale evento ha richiesto e che si è potuto realizzare solo grazie all’impegno e al lavoro instancabile di oltre 120 volontari, coordinati dagli amici Giovanni Francesco Ugolini e Alessandro Scarano, rivolge a tutti questi amici il più sentito ringraziamento non solo, per il sacrificio richiesto, ma per la testimonianza di servizio che ancora una volta hanno saputo rendere.
Ci sembra questa la premessa migliore per una mobilitazione che dovrà vedere impegnato il PDCS a tutti i livelli nell’imminenza della prossima campagna elettorale.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy