Incontro pubblico sulla prevenzione delle patologie da Papillomavirus umano

Si informa la cittadinanza che mercoledì 1° giugno alla ore 18 presso l’Ospedale (Sala Il Monte, 5° piano) si terrà un incontro pubblico sulla prevenzione delle patologie da Papillomavirus umano o HPV e, con l’occasione, verrà presenta la campagna vaccinale  ISS per il 2016, che prevede la gratuità della vaccinazione per le ragazze nate nel 2005 e, solo per quest’anno, anche quelle nate nel 2004 (in quanto l’anno scorso non è stata fatta campagna vaccinale).

Il Papillomavirus umano, del quale sono stati identificati oltre 100 tipi, causa numerose patologie, tumorali e non, che colpiscono donne e uomini. Tra questi, due in particolare, chiamati HPV 16 e HPV 18, sono responsabili da soli di circa il 70% dei casi di tumore del collo dell’utero, del tumore della vagina, del tumore dell’ano, del pene, di un terzo dei tumori della vulva e di una parte dei tumori del cavo orale. Altri tipi di Papillomavirus, chiamati HPV 6 e HPV 11, sono responsabili dei condilomi (verruche) genitali: una patologia a trasmissione sessuale tra le più diffuse nei paesi industrializzati.

Da alcuni anni è possibile prevenire alcune infezioni da HPV con la vaccinazione; esistono due vaccini contro il Papillomavirus umano: il vaccino bivalente, che protegge dagli HPV 16 e 18, e il vaccino quadrivalente, che protegge dagli HPV 6, 11, 16 e 18.

Entrambi i vaccini si sono dimostrati efficaci e sicuri nella prevenzione del tumore del collo dell’utero.

Il vaccino quadrivalente, con indicazione d’uso a partire dai 9 anni di età in entrambi i sessi, è attivo anche per la prevenzione di altre patologie, come le lesioni precancerose della vulva e della vagina e i condilomi genitali.

L’ISS ricorda che i vaccini HPV sono altamente sicuri, dal momento non contengono DNA virale e non possono in alcun modo causare infezioni né tantomeno patologie da HPV. La vaccinazione è e rimane sempre la miglior forma di prevenzione primaria delle malattie infettive; và somministrata in 2 o 3 dosi in base all’ età, generalmente nell’arco di 6 mesi.

La Repubblica di San Marino è stata tra i primi Paesi al mondo ad avviare nel 2008  una campagna di vaccinazione gratuita per le ragazze che hanno compiuto 11 anni;  il vaccino scelto per la nostra campagna è quello quadrivalente, in quanto agisce contro i tipi ad alto rischio, prevenendo  il 70% dei tumori del collo dell’utero, e contro i virus a basso  rischio 6 e 11, prevenendo gran parte delle lesioni condiloma tose.

La vaccinazione si effettua presso il servizio vaccinazioni dell’ ISS.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy