Intervento di Amati per l’esito sul questionario per la riqualificazione del comparto turistico

Per prima cosa intendo ringraziare tutti colore che hanno offerto la propria disponibilità a condurre questo sondaggio. Abbiamo ottenuto un tasso di risposta molto buono, quasi del 30%, a fronte di una tasso standard del 15-20%. Si tratta di un sondaggio sugli operatori turistici rivolto agli operatori stessi. Una specie di auto-valutazione dunque, che ciononostante è stata svolta con buona capacità critica e con la voglia di mettersi in gioco.

Il sondaggio tende ad una riqualificazione del comparto. Non è un obiettivo immediato. Le idee sono molte. Alcune sono di queste Segreteria, altre ce le portiamo dietro da molti anni (studio Ambrosetti, piano Mc Kinsey, Piano Strategico per il Turismo, eccetera). Il presupposto per poterle realizzare sta anche nella possibilità di un loro accoglimento da parte degli operatori economici. Ecco perché il sondaggio. Perché qualsiasi intervento di riqualificazione del comporto turistico dovrà necessariamente essere accompagnato, sostenuto e alimentato da chi è sul campo, dai commercianti, dai ristoratori, dagli albergatori, dagli esercenti in genere.

Il sondaggio rappresenta dunque un primo momento di confronto, di riflessione e serve a capire verso quali direzione iniziare a muoversi.

È chiaro che mentre viene definito l’orizzonte prospettico del comparto turistico bisogna comunque intervenire per un rafforzamento rapido dell’offerta. Ciò a cui questa Segreteria ha lavorato per la stagione estiva che è alle porte – e che è stata segnata dal Covid – è una proposta articolata sulla vacanza all’aria aperta, che tiene insieme fra loro e valorizza tutta una serie di realtà già presenti sul territorio che vanno dalla speleologia, all’equitazione, dal parapendio al tiro con l’arco. Una proposta che verrà presentata nella sua completezza nei prossimi giorni. 

I dati di indagine sono stati analizzati da Massimo Feruzzi della JFC, consulente per la Segreteria al Turismo. Direi di ascoltare insieme la presentazione e poi di aprire ad un confronto fra di noi.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy