L’Informazione di San Marino, Antonio Fabbri. La lettera di Monti

Antonio Fabbri di L’Informazione di San Marino: Il premier dice che si può firmare in fretta, ma tutta questa fretta di togliere il Titano dalla black list non ce l’ha / Tra la diplomazia di Monti, la rudezza di Tremonti e le conclusioni della Dna. Il risultato è sempre lo stesso: l’Italia vuole vedere l’effettività dal Titano

Alla fine la lettera di Monti in risposta ai Reggenti motivi di distensione li dà, ma non così tanti da cantare vittoria. C’è molto lavoro da fare, tanto che Monti, di fatto, dice in maniera più diplomatica quello che Tremonti aveva duramente sottolineato in quattro righe. Proprio sempre in riferimento ad una lettera di risposta arrivata dal ministero dell’economia a Valentini, nel maggio 2010, c’era stata una conferenza stampa di ottimismo del governo che aveva definito la lettera di Tremonti una “apertura di credito al governo sammarinese”. A raffreddare gli entusiasmi erano arrivate quattro righe del Mef tremontiano che dicevano: “Con riferimento alle notizie circolate sulla stampa, si precisa quanto segue: la Repubblica di San Marino resterà ad ogni effetto nella black list  italiana fino a quando non saranno formalmente e sostanzialmente in vigore tutte le norme necessarie per integrare gli standards internazionali legali, fiscali, antiriciclaggio, eccetera”. E par di capire che pure Monti la pensi tutto sommato così e, in soldoni, dice: firmiamo pure e in fretta, ma per la ratifica e la piena normalizzazione dei rapporti vogliamo vedere l’effettività. (…)

ASCOLTA IL GIORNALE RADIO DI

OGGI

OGGI I

GIORNALI PARLANO
DI

Webcam
Nido del Falco

Meteo San
Marino di N. Montebelli

Vignette

di Ranfo

Accadde oggi, pillola di
storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy