L’informazione di San Marino. Quando ‘Giuseppe Mazzini’ viveva a Rimini in via Simonini. Antonio Fabbri

Antonio Fabbri – L’informazione di San Marino: L’eroe risorgimentale, anche senza documenti, si trasferì in seguito sul Titano in Via Pietro Tonnini in Città / Quando inizio’ a movimentare libretti Giuseppe Mazzini abitava a Rimini / Nello stabile hanno appartamenti Stolfi, Bruscoli, Moretti-Ragini e pure sede una società riconducibile a FinProject 

SAN MARINO. Quello di via Tonnini, appare ormai assodato, era il condominio di Giuseppe Mazzini, quello dei libretti, di tutto quello che gli ruotava attorno. Sono numerosi, infatti, gli appartamenti che, secondo quanto sta emergendo dalle indagini, in quello stabile e in quella via hanno visto diversi tra gli indagati calcarne le mattonelle. Eppure Giuseppe Mazzini, non ha sempre abitato lì. La prima residenza di Mazzini Dalle ricostruzioni fatte emerge che, quando nel 2002 in Banca Commerciale Sammarinese iniziarono ad avere a che fare con l’anagrafica dell’eroe risorgimentale, non poterono ovviamente fare la fotocopia dei documenti di identità, come già all’epoca imponeva comunque la normativa antiriciclaggio, normativa poi divenuta, come noto, ancora più stringente. Mazzini fu registrato come cliente di Bcs nel marzo del 2002. Una idea, quella dell’anagrafica fittizia, che gli inquirenti attribuiscono a Giuseppe Roberti il quale, essendo nei vertici della banca, aveva libertà di movimento nell’istituto di credito. L’operazione di apertura dei rapporti per il nuovo cliente fu eseguita materialmente da Gilberto Canuti, indagato della prima ora. Anzi, per un certo periodo, gli unici indagati con l’accusa di riciclaggio sono stati soltanto Roberti e Canuti. (…)

Leggi l’intero articolo pubblcato alle 22


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy