La truffa dei telefonini attraverso San Marino: prime condanne

A Ferrara è stato condannato Giuseppe Chiarolla accusato di frodi fiscali e truffa allo Stato.
Il giudice ha ridotto la pena a
cinque anni e quattro mesi per accettazione del rito abbreviato.
Secondo l’accusa Chiarolla (assieme ad altri imputati condannati a pene inferiori) avrebbe importato in Italia telefoni cellulari per il valore di milioni e milioni di euro, senza versare Iva.
In particolare si è parlato di acquisti a San Marino.
La tecnica sarebbe stata quella nota come ‘frodi carosello’.
L’evasione sarebbe ammontata a decine di milioni di euro a danno dello Stato italiano.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy