L’Espresso: Da Andrea Gemma ai fratelli Clarizia, passando per la consorte del ministro dell’Interno, ecco i nomi e cognomi degli angeli di Angelino

L’Espresso

 La rete di potere intorno ad Angelino Alfano.Tra moglie e avvocati, giro d’affari da capogiro

Incarichi pubblici, posti di potere nelle banche, cattedre
univerisitarie e le immancabili consulenze. Da Andrea Gemma ai fratelli
Clarizia, passando per la consorte del ministro dell’Interno, ecco i
nomi e cognomi degli angeli di Angelino. La rete di potere intorno ad
Angelino Alfano

Emiliano Fittipaldi

 Frank Cavallo, il “facilitatore” di Maurizio Lupi arrestato un mese fa
per corruzione, conosce Andrea Gemma solo di fama. Sa che è un avvocato
romano, che insegna all’università, che è vicinissimo ad Angelino
Alfano.
Ma sa pure che è l’uomo giusto per risolvere certi problemi. Così,
quando un suo amico imprenditore si vede recapitare un’interdittiva
antimafia dalla prefettura di Udine e gli confida che ha scelto Gemma
per difendersi, Cavallo telefona al giovane avvocato per sollecitarlo:
«Professore, volevo dirti che hai nelle mani le palle di Claudio De
Eccher», ironizza lo scorso luglio Frank col legale, senza sapere di
essere intercettato dai pm di Firenze. «Frank! Io ti ringrazio della tua
raccomandazione affettuosa, del tuo, come dire, consiglio…», risponde
Andrea. «Perché noi non ci conosciamo tanto bene, ma ho sempre trovato
in te un atteggiamento di grande benevolenza, simpatia, disponibilità
nei miei confronti».La fiducia di Frank è ben riposta: in 35 giorni
Gemma risolve il casino, e ottiene dal Tar del Friuli una sentenza che
sospende l’interdittiva antimafia e critica pesantemente la decisione
del prefetto. Un trionfo per lui e per De Eccher, a cui però viene un
mezzo infarto tre mesi dopo, quando riceve la parcella del suo nuovo
legale: 650 mila euro. «Frank! E che madonna! Sto’ Gemma è un
delinquente! Una roba allucinante Frank! Cioè, io in 40 anni non ho mai
visto una roba del genere! Persona pessima eh… pessima!». 

GEMELLI DIVERSI

L’imprenditore forse non conosce il mercato: i servigi dei “Mr Wolf”,
soprattutto di quelli bravi, costano caro. E Andrea Gemma non è certo un
avvocato qualsiasi, ma la punta di diamante di una rete di potere
gigantesca, una lobby compatta e sconosciuta che ha nel ministro
Angelino Alfano uno dei suoi cardini principali, e nei professionisti
Renato e Angelo Clarizia due incursori fenomenali.

Un gruppo i cui interessi spaziano da incarichi pubblici da centinaia di
migliaia di euro a cattedre di importanti università, dal business
delle curatele fallimentari alle poltrone di cda di partecipate come
Eni. In un intreccio di rapporti professionali e amicali, di scambi e di
favori, che coinvolgono non solo banchieri e avvocati, ma anche il
ministro dell’Interno e sua moglie Tiziana Miceli.

Andiamo con ordine, partendo dall’inizio. Spulciando vecchie carte
dell’università di Palermo, si disegna il profilo di un’amicizia antica.
«Andrea Gemma sta ad Alfano come Marco Carrai sta a Matteo Renzi»,
raccontano dalla Sicilia. In realtà, se la coppia di Firenze s’è
conosciuta ai tempi dei boyscout, l’avvocato e il ministro dell’Interno
si sono incontrati dopo la laurea in giurisprudenza, che il primo ha
preso alla Luiss di Roma e il secondo alla Cattolica di Milano.
Entrambi figli d’arte (Angelino è il rampollo di un notabile della Dc di
Agrigento, Gemma di Sergio, avvocato con studio avviatissimo nella
Capitale), le loro strade si incrociano grazie a Salvatore “Savino”
Mazzamuto e alla professoressa Rosalba Alessi, due mammasantissima di
diritto privato a Palermo.

È falso, come hanno scritto alcuni giornali, che Gemma avesse conosciuto
Alfano perché suo tutor ai tempi dell’università. Ma è certo che nel
1998 – nonostante i tanti impegni politici (al tempo Angelino era
presidente del gruppo di Forza Italia all’Assemblea regionale siciliana)
– il futuro segretario di Ncd riesce a trovare il tempo per vincere un
dottorato in “Diritto d’impresa”, tenuto proprio dalla Alessi.

due ragazzi di belle speranze si conoscono allora (Gemma e Mazzamuto
scriveranno due libri insieme) e si piacciono subito. Moderati ma
ambiziosi, scrivono qualche articolo su “Europa e diritto privato”
(rivista diretta da Mazzamuto, la Alessi è nel comitato scientifico) e
promettono di non lasciarsi più. Finora nessuno dei due ha tradito il
giuramento.

DI PADRE IN FIGLIO
Se Angelino scala rapidamente posizioni in Forza Italia e diventa prima
ministro poi delfino «senza quid» di Berlusconi, Andrea alla politica
preferisce gli affari e la carriera accademica. Leggenda vuole che Gemma
sia un ragazzo prodigio che s’è fatto da solo. In realtà il talento è
ereditato dal padre Sergio, un professionista assai affermato negli
ambienti che contano della Città eterna, liquidatore di decine di
aziende, ex consigliere di amministrazione della Banca del Mezzogiorno e
della Unicredit Medio Credito, sindaco e presidente di collegi
sindacali di aziende pubbliche come Equitalia Giustizia, Trenitalia, Fs
Logistica e Sogin.

Un curriculum sterminato, a cui nell’ottobre 2011 aggiunge anche
l’incarico di commissario straordinario della Banca commerciale di San
Marino. Sul Monte Titano Gemma senior viene chiamato da due vecchi
amici, il professore Renato Clarizia, ordinario di diritto privato
all’Università Roma Tre e presidente della Banca centrale della piccola
Repubblica, e da Mario Giannini, braccio destro di Clarizia e fratello
di Giancarlo, l’ex potente presidente dell’Isvap.

Quella a San Marino per Gemma sarà un’esperienza sfortunata: si
dimetterà infatti dopo nemmeno due mesi di lavoro; ufficialmente per
«motivi personali», in realtà perché travolto da uno scandalo
finanziario di cui – ancora oggi – non sono chiari i contorni. È un
fatto che Gemma nel dicembre 2011, nonostante sulla banca gravasse un
regime di blocco dei pagamenti, autorizzò un bonifico da oltre un
milione di euro verso la Finanziaria Infrastrutture, gestita dall’ex
segretaria di Giancarlo Galan Claudia Minutillo. Le polemiche
investirono in pieno anche Clarizia, ma il prof è ancora saldo al suo
posto.

Di poltrone, in realtà, Clarizia ne ha due. Quella in banca e quella
dietro la cattedra all’ateneo Roma Tre, università in cui Gemma junior è
diventato ricercatore nel 2003. Clarizia, inoltre, è anche il
segretario della commissione d’esame che l’8 novembre 2013 gli ha
assegnato una nuova, prestigiosa cattedra da associato in diritto
privato a Roma Tre.

“L’Espresso” ha letto il verbale della procedura, scoprendo che al bando
dell’ateneo ha fatto domanda un solo candidato. A chi piace vincere
facile? Ma a Gemma, naturalmente, che da un anno e mezzo somma la nuova
docenza e quella ottenuta nel 2006 all’Università di Palermo.

TRA MOGLIE E MARITO
Andrea conosce assai bene non solo il suo mentore Renato Clarizia, ma
anche il fratello Angelo, altro avvocato di fama con origini
salernitane. Da anni i due professionisti lavorano a braccetto, e da
poco hanno anche vinto (con un raggruppamento temporaneo d’impresa)
l’importantissima gara per i servizi legali dell’Expo da 630 mila euro.

Un colpaccio, solo l’ultimo di una lunga serie: leggendo un’ordinanza
del Tar Lazio della fine 2011, infatti, risulta che Angelo Clarizia ha
ottenuto consulenze legali pure per la Valtur, di cui Gemma era
diventato commissario straordinario qualche settimana prima. E quando
Andrea, lo scorso 3 febbraio, non è potuto andare a difendere il partito
di Alfano (da una recente sentenza del Consiglio di Stato risulta che
Gemma difende anche l’Ncd), ha mandato proprio il socio d’affari Angelo a
rappresentare gli interessi del Nuovo centro destra. Ma non è tutto.
Spulciando una deliberazione del comune di Lacco Ameno, a Ischia, si
scopre che con lo studio di Angelo Clarizia ha lavorato anche la moglie
di Alfano, l’avvocato Tiziana Miceli: i due fino al 2014 hanno infatti
curato gli interessi di una società (la Serit) di cui Gemma è
commissario straordinario.

«L’avvocato Miceli tiene a precisare che l’unica consulenza da lei
svolta a favore di una pubblica amministrazione, ad oggi, è quella
ricevuta dall’assessore alla Sanità della Regione Sicilia nel
2003-2004», si legge in una richiesta di risarcimento danni mandata a
“l’Espresso” tre anni fa. In realtà – come dimostrano alcune carte del
Tar Sicilia – la moglie di Angelino ha difeso altri enti pubblici, come
il comune di Casteltermini, un’azienda ospedaliera di Palermo,
l’Istituto autonomo Case popolari di Palermo (guidato fino al 2001 dal
forzista Diego Cammarata) e la provincia di Agrigento, incarico
assegnatole nel 2006 quando il presidente era Vincenzo Fontana,
attualmente deputato regionale in Sicilia dell’Ncd.

Oggi la Miceli è titolare di uno studio romano poco conosciuto (la “RM
Associati”, con sede a Piazza Navona), che non ha un sito internet e non
ama farsi pubblicità sul web. Nella RM, oltre a Tiziana, c’è un altro
avvocato di Angelino, Fabio Roscioli. Dopo gli incarichi in Sicilia
sembra che le cose stiano andando bene anche nella capitale: non solo
nel 2010 Tiziana ha guadagnato 229 mila euro (la moglie del ministro
dell’Interno ha dato il consenso per pubblicare la dichiarazione dei
redditi solo quell’anno), “l’Espresso” ha scoperto che la Miceli tra
fine 2014 e inizio 2015 s’è aggiudicata dalla Consap (la concessionaria
dei servizi assicurativi pubblici controllata dal ministero
dell’Economia) ben cinque consulenze nuove di zecca.

Gli importi, si legge nelle determine firmate dall’amministratore
delegato Mauro Masi (ex dg della Rai in quota berlusconiana) «saranno
quantificati all’esito delle attività». Speriamo, per le casse
pubbliche, non siano troppo alti.

IL VILLAGGIO DEL CONSIGLIERE
Intanto Andrea, una volta guadagnata la cattedra e puntellata l’alleanza
con i Clarizia, comincia a darsi da fare anche con il suo studio
legale. Come il padre ha buone entrature nel settore pubblico: così,
giovanissimo, nel 2008, il capo dell’Isvap Giancarlo Giannini (poi
indagato per corruzione nell’affaire Ligresti) lo nomina commissario
liquidatore di Alpi Assicurazioni, incarico a cui ne seguiranno una
mezza dozzina. Alfano, diventato Guardasigilli, lo chiama pure al
ministero della Giustizia a fare «il soggetto attuatore giuridico del
Piano Carceri», ovviamente a cachet.

Ma il legale con la faccia d’angelo deve alla politica anche un’altra
poltrona di peso: il 18 ottobre 2011 il ministro del Pdl Paolo Romani
decide di promuoverlo come commissario straordinario della Valtur,
azienda stritolata dalla crisi e dalle vicende giudiziarie della
famiglia Patti. La nomina sembra quantomeno inopportuna: il papà di
Gemma, Sergio, era stato infatti presidente del collegio sindacale del
colosso dei Patti tra il 1999 e il 2002. Per la cronaca Alfano –
diventato segretario del Pdl qualche settimana prima della nomina
dell’amico – ad agosto 2011 aveva trascorso le vacanze proprio in un
villaggio Valtur della Grecia, godendo di uno sconto di 3.500 euro.
Grazie, sostenne qualcuno, all’amicizia con i Patti. «Alfano non ha
intrattenuto nessun rapporto con Carmelo Patti sebbene lo abbia
conosciuto», spiegò furioso il suo avvocato Roscioli, oggi socio della
moglie. «In occasione di alcuni soggiorni ha semplicemente conseguito
sconti previsti da catalogo o normalmente praticati a personaggi
pubblici».

Gemma e Angelino sono tipi che vanno dritti per la loro strada. Così nel
2013 Andrea per volontà dell’ex prefetto di Palermo Giuseppe Caruso
(nominato nel 2010 dal governo Berlusconi e poi diventato direttore
dell’Agenzia dei beni confiscati alla mafia) diventa pure commissario
dell’Immobiliare Strasburgo, un colosso che gestisce le proprietà
(valgono centinaia di milioni) confiscate ai boss della famiglia Piazza.
Passano pochi mesi, e Alfano mette il fedelissimo nella lista dei
consiglieri della più importante azienda pubblica del paese, l’Eni, con
un compenso da 80 mila euro lordi l’anno più bonus (che per il 2014 si
avvicinano ai 50 mila euro).

Angelino è uno che non si dimentica mai degli amici che stima. Così il
professor Mazzamuto, antiche (e scolorite) simpatie di sinistra,
trasferitosi anche lui all’Università Roma Tre, nel 2008 diventa
consigliere personale del ministro della Giustizia. Arrivato Mario Monti
a Palazzo Chigi, Angelino riesce a sponsorizzarlo addirittura come
sottosegretario alla Giustizia (alcuni ricordano ancora quando si prese i
fischi della Camera per essere intervenuto parlando con le mani in
tasca), mentre nel 2013 – quando Alfano è vicepremier del governo Letta –
lo convoca come suo «consigliere giuridico» con un bonus (recitano i
documenti ufficiali) da 50 mila euro l’anno. Oggi Mazzamuto è passato
all’Interno, dove ha ottenuto l’ennesimo incarico come «consigliere per
le politiche della formazione». Stavolta, pare, a titolo gratuito.

L’ISOLA DEI COMPENSI

Anche la Alessi (che Stefania Giannini ha incontrato qualche giorno fa
per discutere del pasticcio dell’abilitazione nazionale di diritto
privato, «mi ha dato solo un suo parere», spiega il titolare
dell’Istruzione) grazie a qualche succoso incarico pubblico è riuscita
ad arrotondare il suo stipendio accademico: nel lontano 1999 la
professoressa fu nominata dall’allora assessore all’Industria della
Regione Sicilia Giuseppe Castiglione (al tempo vicino all’Udeur, oggi
braccio destro di Alfano in Sicilia e sottosegretario dell’Ncd sotto
inchiesta) come commissario liquidatore di vecchi carrozzoni
improduttivi, tra cui l’Ente minerario siciliano e l’Ente siciliano per
la promozione industriale.

Sono passati 15 anni, ma le società e Alessi sono ancora lì: facendo i
conti della serva (sappiamo che nel 2006 prendeva 44 mila euro per ogni
ente, scesi nel 2012 a 33 mila), la prof di Angelino ha incassato circa
un milione in tre lustri. Non male davvero, per due società morte che
nessuno sembra voler seppellire.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy