L’Informazione di San Marino, l’editoriale di Marino Cecchetti: “Peculiarità e trasposizioni”

MARINO CECCHETTI – Ha esordito elogiando le nostre realtà statuali nel discorso  del 1° aprile a Palazzo Pubblico la Ministra della Giustizia del Governo italiano Marta Cartabia. In un periodo in cui sono di attualità, in entrambi i Paesi, le riforme della giustizia. E nell’una e nell’altra ha un compito di grande rilievo lo stesso prof. Giovanni Canzio, come la Ministra non ha mancato di sottolineare.

Noi continuiamo a chiedere che, nel portare avanti la nostra riforma della giustizia, si tengano ben presenti le “peculiarità statuali sammarinesi”. Per evitare, come successo in altri campi, le “conseguenze nefaste della trasposizione”, nel nostro piccolo, di “innovazioni costruite per altre realtà” con miniaturizzazioni eseguite frettolosamente e spesso con modalità ragionieristiche.

La Ministra si è profusa poi nell’esaltare un accordo fra i due Stati – imbastito da Canzio? – avente come oggetto, in primo luogo, le pene alternative al carcere per le quali all’improvviso nei due Paesi sarebbe insorta la urgente esigenza di una regolamentazione  comune. Una urgenza che, a dire il vero, noi profani, non avevamo colto. Aspettiamo i testi.

Il Paese,  in materia di giustizia, è ancora sotto choc per la sentenza d’appello del Conto Mazzini, frutto del ‘combinato disposto’ di Collegio Garante della Costituzionalità delle Norme e Tribunale. Questo il finale, che abbiamo già raccontato: la “tangentopoli sammarinese”, che in una trentina di anni ha distrutto moralmente e finanziariamente la Repubblica, è finita – come ha scritto “Il Baracucco” – a “Tavolucci e vino”.

Rendiamone edotta anche la prof.ssa Cartabia, membro della Pontificia Accademia delle Scienze sociali, partendo dal cambio di nome dei “tarallucci”.

 

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino pubblicato integralmente il giorno dopo

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy