Lionello Mancini, IlSole24Ore, sul Moneyval domani a Strasburgo per San Marino

Lionello Mancini

San Marino ritenta l’esame antiriciclaggio

Domani il verdetto Ue ma resta carente l’allineamento agli standard europei

Maglie ancora larghe sui flussi di assegni e di contante

Domani per San Marino torna il giorno del giudizio: non quello universale, ma quello europeo sì. Perché domani, a Strasburgo, al termine della sessione iniziata lunedì, gli esperti del Moneyval decideranno se ammettere o no la Repubblica del Titano alla ‘white List’ dei Paesi extracomunitari che si sono adeguati agli ‘standard’ europei in materia di antiriciclaggio. Se da Strasburgo arriverà un nuovo «no» — com’è accaduto ad aprile – vorrà dire che l’organismo internazionale di valutazione ritiene armi spuntate anche le norme appenavarate dalla blindatissima cassaforte “estero-emiliana’, più volte invitata a rendere leggibili i flussi di denaro del suo impero credi- tizio: oltre 12 miliardi di raccolta, finanziarie, 12 banche con più di 50 filiali.

Il 31 ottobre, per adeguarsi alle norme antiriciclaggio e antiterrorismo, San Marino ha promulgato il decreto 138/08 che disciplina il «trasporto transfrontaliero di denaro contante e strumenti analoghi». Un passo avanti rispetto alle regole vigenti, ma che – secondo gli esperti – proprio non sbarra le porte a movimenti opachi di denaro e assegni. Una rete a maglie ancora troppo larghe, a partire dalla discrezionalità dei controlli di polizia (peraltro solo al momento di transito ai confini) che dovranno pure accontentarsi di risposte verbali; alla possibilità di non dichiarare assegni al portatore con girata a nomi fittizi, di non esporre proprietario né destinatario dei valori trasportati. Il tutto accompagnato dalla non tracciabilità dell’itinerario, dal permanere del segreto d’ufficio e in assenza di obblighi di scambi informativi con Paesi terzi.

I timori più volte espressi negli anni dalle autorità monetarie (e anche investigative) italiane, non sembrano infondati. A parte le inchieste forlivesi che nei mesi scorsi hanno portato all’arresto di banchieri locali e a parte ogni considerazione sul peso per l’economia della ripulitura dei proventi illeciti, uno degli aspetti che desta preoccupazione al confine del monte Titano, è il movimento di banconote da 500 euro, un taglio più utile al trasporto facile che non a fare la spesa.

Forlì, a esempio, è la quarta piazza italiana per richiesta di ‘pezzi” da 500 euro, e in 36 mesi il triangolo Forlì-Boilogna-Reggio Emilia ha inghiottito 7,5 milioni di valuta del nnassimo taglio. Che dire, poi, del ritiro di questa particolarissima banconota dai forzieri locaili della Banca d’Italia? Nel 2006-2007, gli sportelli di Monte di Paschi e UniCredit dell’area del Titano, hanno richiesto da soli il 6% della cartamoneta da 500 euro circolata in Italia. E si potrebbe continuare con altre evidenze singolari, rese sospette dalla vicinanza di un comodo rifugi o valutano, piuttosto refrattario ai controlli.

Diverse inchieste della Procura della Repubblica di Forlì e numerosi rapporti delle Fiamme Gialle hanno messo in relazione possenti giri contabili, trasporti di assegni e di contante di grosso taglio oltre che rocamboleschi giochi di sponda bancari, con vicende che resta impossibile chiarire a causa della barriera opposta dal segreto bancario che la piccola Repubblica continua a ritenere un proprio ‘asset’ fondamentale.

Sarebbe strano – ed è improbabile, a queste condizioni – che domani il Moneyval dia il suo «ok» all’adeguamento del Titano agli ‘standard’ di contrasto al ‘money laundering’ e al finanziamento del terrorismo. Ma così, la più antica Repubblica perderà una nuova occasione per affrancarsi dall’immagine di un antistorico paradiso fiscale.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy