Lombardi (PDL): “La Giunta di Cattolica è allo sbando e viola la Costituzione”

“L’episodio denunciato da Cono Cimino, non può essere liquidato come una banalità od al più come una scorrettezza” – è quanto afferma il Coordinatore Provinciale del PDL Marco Lombardi –

“Si tratta di una vera e propria violazione di un diritto Costituzionale previsto dall’art. 15 della nostra Carta Fondamentale che tutela anche la riservatezza della corrispondenza. Inoltre – prosegue Lombardi – il fatto assume una qualificazione ancor più grave perche avvenuto da parte di un soggetto Istituzione (Giunta) nei confronti di un altro soggetto Istituzionale (Consigliere) nel pieno esercizio delle sue prerogative politico-amministrative”.

“Se fosse avvenuto a livello nazionale nei confronti di un esponente della sinistra – conclude il Coordinatore del PDL – si sarebbe gridato allo scandalo chiamando in causa il Presidente della Repubblica e la Corte Costituzionale, mentre Santoro e compagni avrebbero imbastito trasmissioni fiume sul regime incombente”.

“A Cattolica tutto viene banalizzato forse perché il clima creato dal Sindaco Tamanti e dalla sua Giunta raffazzonata autorizza una tale interpretazione dei fatti”. Per me resta invece un fatto gravissimo ed altamente lesivo di un diritto fondamentale della persona e della prerogativa di Consigliere per cui non posso esimermi dall’esprimere tutta la mia solidarietà al Capogruppo del PDL stigmatizzando l’ennesima figuraccia della Giunta Tamanti”.

Guarda le registrazioni del TERREMOTO che ha avuto luogo oggi in Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy