Mario Gerevini, Senza garante la Banca Centrale di San Marino, Corriere della Sera

Mario Gerevini

Senza garante la Banca Centrale di San Marino

Mario Gerevini

La carica è vacante da mesi, di fatto dall’inizio dell’anno. Cioè da quando il presidente di Banca centrale di San Marino (insieme al direttore generale) se n’è andato sbattendo la porta in faccia alle intromissioni del governo. «Dobbiamo individuare un profilo adeguato», «occorre una figura idonea ad assumere questo ruolo», hanno finora traccheggiato i politici sammarinesi. Come non ci fosse alcuna urgenza, come fosse un periodo di ordinaria amministrazione per la piccola repubblica.

Per un po’ hanno
«tappato» il buco affidando la presidenza a un manager, Ezio Paolo Reggia, che ha sempre fatto l’assicuratore (Cattolica). Ma anche quello è durato poco. Doveva essere un traghettatore ma la riva d’approdo non si è vista e reggia se n’è andato. La Banca Centrale di san Marino non ha tuttora un presidente. E’ ovvio che non può essere una persona qualsiasi, uno del «sistema», ma debba essere una figura di garanzia, un super partes. E, se si guarda all’interno del Titano, rarissimo trovarlo.

La «ricreazione» è lunga a San Marino e nel frattempo, con una banca centrale decapitata, è più facile sistemare piccoli, grandi e talvolta loschi affari di banche e finanziarie.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy