Mercato del lavoro, incontro Associazioni di categoria Mussoni

Comunicato Stampa 16 novembre 2011
È iniziato questa mattina il confronto sulla riforma del mercato del lavoro. A Palazzo Mercuri le associazioni di categoria hanno incontrato il Segretario di Stato al Lavoro Francesco Mussoni, che ha presentato le linee guida del progetto di riforma.
Nell’occasione i vertici dell’Associazione Nazionale dell’Industria Sammarinese hanno avuto modo di ribadire il proprio punto di vista circa questa materia così complessa, che rappresenta uno dei principali fattori di competitività e attrazione di nuovi investimenti. ANIS aveva già dato alcune indicazioni in proposito attraverso il suo “progetto per il Paese” culminato con la presentazione di diverse Istanze d’Arengo, una delle quali verte proprio sull’argomento.
In linea generale ANIS ritiene necessario prendere come riferimento le normative europee, nell’ottica di una sempre maggiore integrazione con la realtà internazionale.
Al centro della riforma va messa la responsabilità delle imprese e dei lavoratori, la libertà e le tutele per le fasce deboli. In questo contesto la riforma del mercato del lavoro deve necessariamente andare a rimuovere alcune rigidità che non hanno eguali né in Italia né nel resto del continente.
L’intervento deve mirare a mettere l’Ufficio di Collocamento in condizione di rispondere con efficienza e tempestività alle domande e alle offerte di lavoro, affinando la propria conoscenza dell’impresa e dei lavoratori e rendendo più efficace la fase di selezione.
In questo senso l’amministrazione deve avere maggiore responsabilità e autonomia, e la Commissione per il Lavoro deve assumere una funzione ancora più forte di indirizzo, promozione e sviluppo delle attività economiche. A sua volta la Segreteria di Stato deve avere un ruolo ancora più importante, non più legato alla gestione dell’ordinaria amministrazione.
Una società più libera, che pone grande importanza le competenze ed le capacità, può confrontarsi con il mondo a testa alta. Liberandoci da quelle vecchie tutele e raccomandazioni che deprimono l’impegno il merito e non consentono di far scaturire la forza vera dei sammarinesi.
ANIS

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy