Modifiche al decreto sulle start up: un po’ di chiarezza. Segreteria Industria

Comunicato stampa 

Basta
con la disinformazione

 

Modifiche
al decreto sulle start up: un po’ di chiarezza
 

La lunga discussione in Consiglio Grande e Generale e il successivo comunicato stampa di Rete ci impongono di intervenire per fare chiarezza sulle modifiche alla normativa sulle start up ad alta tecnologia adottate con i due decreti ratificati lo scorso lunedì.

Assicurazione medica: questo il nodo principale dibattuto dai consiglieri di Rete e ribadito nel loro comunicato. Con la modifica al decreto siamo andati a togliere l’obbligo, per i dipendenti frontalieri delle imprese start up, di sottoscrivere un’assicurazione medica come requisito per richiedere il permesso di soggiorno. Perché lo abbiamo fatto? Molto semplice: perché essendo dipendenti pagano i contributi all’Iss e, in caso ottenessero il permesso di soggiorno, hanno di conseguenza il diritto di usufruire delle cure sanitarie come qualunque altro lavoratore dipendente. La spiegazione, tanto semplice quanto logica, è già stata data nel corso del dibattito in Consiglio, ma forse i consiglieri di Rete non erano attenti. O forse preferiscono una sanità sul modello americano, togliendo ogni forma di contributo e obbligando tutti gli assistiti a dotarsi di un’assicurazione privata? 

Diverso invece il discorso per i ricongiungimenti familiari: i congiunti che dovessero venire a San Marino in seguito alla concessione del permesso di soggiorno hanno l’obbligo di sottoscrivere un’assicurazione medica. 

Quota permessi di soggiorno: con una certa enfasi Rete e parte dell’opposizione sottolineano che il decreto prevede, per il 2015, la quota di 100 permessi di soggiorno per i lavoratori delle start up. Ma di fatto non è nulla di nuovo: la stessa quota era già stata prevista per il 2014.

Controlli: il movimento Rete nel corso del dibattito ha anche lamentato che il decreto toglierebbe i controlli da parte della Gendarmeria su coloro che fanno richiesta del permesso di soggiorno. Questo è falso, in realtà quello che è stato fatto è semplicemente ritornare alla prima formulazione, togliendo solo i limiti temporali di tali controlli. Nella prima versione del decreto infatti proprio il movimento Rete propose un emendamento che imponeva limiti temporali entro i quali fare i controlli, emendamento che il segretario Arzilli decise di accogliere. Purtroppo però la gendarmeria fece presente che – dovendo chiedere informazioni in altri stati – non è possibile stabilire limiti temporali. 

Modifiche: altro ritornello dei consiglieri di Rete nel corso del dibattito è stata l’inopportunità di modificare un decreto dopo solo pochi mesi dalla sua prima stesura. Ebbene, noi crediamo che nessuno abbia la verità in tasca e che, lavorando in buona fede, si rischi anche di incorrere in errori o inesattezze. La normativa sulle start up ha introdotto a San Marino dei concetti completamente nuovi: è facile immaginare che l’applicazione di tale norma abbia evidenziato la necessità di alcuni correttivi tarati sull’esperienza. Andare a modificare una normativa non significa essere incompetenti, significa avere la capacità di seguire passo passo la sua applicazione e saper intervenire tempestivamente per aggiustare il tiro.

Il progetto del Parco Scientifico Tecnologico è tanto benvisto e auspicato dall’Italia quanto deriso e osteggiato all’interno di San Marino, come succede spesso purtroppo. Ogni qualvolta si fa un passo in avanti si fanno sentire gli scettici, i denigratori o i dietrologi e pur informando, rispondendo, facendo serate pubbliche e spiegando il progetto, le cose non cambiano. D’altronde non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire e chi ha ormai deciso che il Parco Scientifico e Tecnologico, per qualsivoglia motivo, è un progetto da osteggiare, difficilmente cambierà idea.

Ma noi preferiamo rivolgerci ai cittadini che, di fronte a notizie, eventi e informazioni, ragionano e valutano autonomamente. Ebbene questi i dati: l’incubatore d’impresa ha inaugurato il 26 maggio 2014, a fine giugno dello stesso anno la chiusura del primo bando per la ricerca di imprese. Ad oggi, meno di un anno quindi, le imprese insediate sono 13 e tra poche settimane diventeranno 15; 23 i dipendenti totali, 9 dei quali sono sammarinesi. Altre assunzioni ci saranno a breve, privilegiando i lavoratori sammarinesi. Tutti i giorni alla segreteria dell’incubatore arrivano richieste di informazioni non solo da San Marino e dall’Italia, ma anche dall’estero.

San Marino, 30 aprile  2015

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy